L’influencer è di nuovo al centro delle polemiche per il suo abbigliamento con i pantaloni sbottonati e il suo rifiuto a indossare abiti prémaman.

Dopo la polemiche sulle donna che “svaccano” in gravidanza, Chiara Nasti è di nuovo nel mirino delle critiche. Questa volta l’influencer è finita al centro delle polemiche social per il suo abbigliamento con i jeans sbottonati e il suo rifiuto a vestire abiti prémaman che ha attirato commenti negativi.

Chiara Nasti e il rifiuto di indossare abiti prémaman

Una foto postata da Chiara Nasti con jeans attillati e sbottonati ha attirato molte critiche. Una utente ha scritto: “Esistono i jeans premaman, lo sai? Su H&M a 29.90 euro“. A questo punto la risposta dell’influencer è stata: “Mettili te. Non sono di mio gusto“.

Ci sono stati anche commenti più soft come un’altra utente che scrive: “Sei una bellissima ragazza, ma solo io quando aspettavo i miei tesori amavo vestirmi prémaman con quei vestiti belli, colorati e ampi? Non so, mi sembrava in qualche modo di proteggerli. Non è assolutamente una critica. Ognuno si veste come ritiene opportuno.”

A questo punto la Nasti risponde: “Amo da morire vestire stretta per avere la forma del pancione o mettere top dove lo si vede completamente. Mi piace troppo avere il pancino. Anche se allo stesso tempo vorrei già partorire che ho un male alla schiena allucinante“. Insomma, sembra che l’influencer preferisca i pantaloni sbottonati, piuttosto che mettere jeans prémaman. Il parto dell’influencer è previsto per novembre se tutto va in regola.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 08-07-2022


Elon Musk ha avuto due figli in segreto lo scorso anno: l’indiscrezione

Stefano De Martino va alla grande: “Sanremo è dietro l’angolo”