Tullio Pericoli è un affermato pittore e disegnatore, coinvolto in innumerevoli progetti e apprezzato anche al di fuori dei confini italiani.

L’ispirazione – sostiene – la raggiunge “da un’intercapedine tra le cose razionali e il resto del suo corpo”. L’immagine è ansiosa di irrompere: Tullio Pericoli si “limita” a illuminarla, di fungere da tramite cosicché anche gli altri la vedano. Pittore nonché disegnatore, le sue illustrazioni hanno accompagnato gli articoli di alcune delle penne più raffinate del panorama italiano e mondiale. Vediamo, esattamente, chi è e le varie informazioni sia circa la vita privata sia quella professionale.

Tullio Pericoli: biografia e carriera

Nasce il 2 ottobre 1936, sotto il segno zodiacale della Bilancia, a Colli del Tronto, sperduto borgo nel Marchigiano. Fin da piccolo inizia a pubblicare i primi lavoretti sul giornale del Liceo classico Francesco Stabile, che frequenta. Seguendo il volere del padre, Pericoli si iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza di Urbino, ma, a pochi mesi dalla laurea, molla tutto per trasferirsi a Milano e seguire la propria vocazione.

Così intraprende la collaborazione con il quotidiano Il Giorno, mediante illustrazioni adottate a corredo dei racconti di Calvino, Primo Levi, Gadda e Soldati. Nel 1984 approda a La Repubblica con cui porterà avanti una lunghissima collaborazione. Tra le opere realizzate si segnalano, poi, la pittura murale in via della Spiga a Milano su committenza di Livio Garzanti, che racconta la storia della casa editrice, e nel 1991 il capoluogo lombardo gli dedica un’importante mostra a Palazzo Reale. Col nuovo millennio si concentra prevalentemente sulla pittura paesaggistica.

Tullio Pericoli: la vita privata

Sappiamo solo che ha un figlio, Matteo, architetto e disegnatore. Ancora oggi abita a Milano, mentre non ha un profilo personale sui social e non è noto il patrimonio.

2 curiosità su Tullio Pericoli

– I suoi disegni sono comparsi anche oltreconfine, in giornali rinomati come El Pais, il Guardian, la Frankfurter Allgemeine, il New Yorker, la New York Review of Books.

– Porta sempre con sé una lunga matita appuntita (due o tre centimetri), per schizzare le intuizioni e i primi dettagli.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 12-12-2021


Esseho: biografia e curiosità del cantante di Sanremo Giovani

Ferruccio de Bortoli: tutto sull’ex direttore del Corriere della Sera