Dalla brillante carriera, al suicidio: alla scoperta di Robin Williams (L’attimo fuggente), uno degli attori più amati di sempre

Dal teatro al grande schermo fino ad arrivare al cuore di tutti noi: ecco chi era realmente Robin Williams, l’attore ricco di talento venuto a mancare l’11 agosto del 2014!

Sul set adorava improvvisare e gli riusciva sempre molto bene, sapeva strappare grosse risate a chiunque ed era il re dell’intrattenimento e dell’ironia. Impossibile dimenticare il tanto amato Robin Williams, l’attore che ha saputo conquistare il cuore di milioni di persone in men che non si dica.

Dietro il suo carattere solare, ironico e brillante, però, si nascondeva un uomo dall’animo fragile e malinconico. Ripercorriamo insieme la storia della sua vita…

Chi era Robin Williams: la biografia e i film di successo

Nasce a Chicago il 21 luglio del 1951 sotto il segno zodiacale del Cancro. Robin Williams è figlio di un dirigente della Ford Motors e di una modella affermata.

Cresce, quindi, in un ambiente benestante che gli permette di intraprendere il percorso di studi da lui desiderato e di inseguire anche le sue più grandi passioni. Si iscrive al college per laurearsi in scienze politiche, ma la recitazione prevale sopra ogni cosa. Quindi, si dedica al teatro e comincia a studiare recitazione drammatica presso la Juilliard School di New York, ovvero una scuola prestigiosa conosciuta in tutto il mondo.

Robin Williams
Robin Williams

Intraprende la carriera artistica a teatro per poi passare al piccolo schermo e comparire in diverse serie televisive. Debutta sul grande schermo nel 1977, ma il primo ruolo da protagonista lo ottiene tre anni dopo nel film Popeye – Braccio di ferro.

Da quel momento in poi la sua carriera è tutta in discesa: vince numerosi premi, come il suo primo Golden Globe nell’87 grazie al film Good Morning, Vietnam; ottiene ruoli da protagonista in film di successo, come L’attimo fuggente, Hook – Capitano Uncino, Jumanji, Jackob – il bugiardo, Risvegli con Robert De Niro, Insomnia, Notte al museo – Il segreto del faraone e tanti altri ancora.

L’attore viveva a San Francisco, in California, dove si trasferì per avere più opportunità lavorative.

Robin Williams: moglie e figli

La sua vita privata è stata, spesso, sotto i riflettori: si sposa per la prima volta con una ballerina di nome Valerie Velardi con cui ha un figlio, Zachary; a distanza di dieci anni convola a nozze con Marsha Garces, una produttrice statunitense, con cui ebbe due figli, Zelda e Cody. Si sposa per la terza volta con Susan Schneider, una graphic designer.

Tra i figli di Williams solo Zelda ha deciso di seguire le orme del padre e, difatti, ad oggi è un’attrice molto conosciuta. Non sappiamo quale mestiere abbiano intrapreso i due maschi, però sappiamo che entrambi sono sposati e che Cody, l’ultimo figlio, è convolato a nozze proprio il giorno del sessantottesimo compleanno del padre scomparso. A pubblicare la notizia è stata proprio Zelda, la quale ha un profilo Instagram molto seguito.

Chi è Susan Schneider?

Nata il 24 gennaio 1964 Susan Schneider è stata l’ultima moglie di Robin Williams. È un’artista e graphic designer americana ed è rimasta accanto all’attore di L’attimo fuggente fino alla fine.

Dalle pagine di Neurology – sull’ultimo giorno del marito – confidò: “In quell’agosto sembrava tranquillo. Quella domenica siamo andati a letto augurandoci la buonanotte, come sempre. Mi disse ‘Buonanotte, amore mio’“.

Robin Williams: la morte e la malattia

Il celebre attore, purtroppo, è stato ritrovato privo di sensi nella sua villa in California l’11 agosto del 2014. Robin ha avuto a che fare con disturbi dell’umore da giovane ed ha iniziato a soffrire di depressione dopo che gli è stata riscontrata la malattia di Parkison. Inoltre, con l’autopsia è stata riscontrata la demenza da corpi di Lewy, una patologia neuro-degenerativa correlata proprio alla malattia di Parkinson.

La moglie, Susan, dichiarò solo dopo che il marito soffriva già da diverso tempo di insonnia, attacchi di panico, perdita di memoria e allucinazioni.

5 curiosità su Robin Williams

• All’età di 30 anni, il celebre attore ha avuto a che fare con la cocaina e con problemi legati all’alcool.

• Era appassionato di videogiochi, specialmente di Legend of Zelda. Ed è proprio grazie al gioco che decide di chiamare la figlia Zelda, proprio come la principessa protagonista. Inoltre, padre e figlia sono i protagonisti della pubblicità del videogioco nel 2011.

• Possedeva circa 87 biciclette da collezione poiché appassionato di ciclismo.

• Da bambino era molto timido e a causa di ciò aveva pochissimi amici.

• Nel suo testamento Robin Williams (stilato 3 anni prima della sua morte) stabilì che la sua eredità fosse ripartita tra i tre figli: Zachary, Zelda e Cody. Repubblica parla di una fortuna da 50 milioni di dollari.

ultimo aggiornamento: 08-08-2019

X