Il contributo dello storico Paolo Prodi è stato ragguardevole soprattutto come storico del diritto e della Chiesa.

Tra un politico, dirigente ed economista (Romano), un professore e politico (Vittorio), un fisico (Franco), un oncologo (Giorgio) e un matematico (Giovanni), c’è stato spazio anche per uno storico e accademico in famiglia, Paolo Prodi. Una eminente personalità del Novecento – come scrisse Giorgio Napolitano in seguito alla sua morte, il 16 dicembre 2016 a Bologna – per l’accuratezza e la finezza degli studi, specialmente di quelli dedicati alla Storia della Chiesa cattolica. Non meno significativo – ricordò l’ex Presidente della Repubblica – l’impegno civile e democratico in rapporto dialettico con la politica nazionale ed europea e in una dedizione ad ogni causa di progresso. Sulla base di tali premesse è chiaro che il personaggio in questione abbia lasciato un patrimonio culturale quasi sterminato. Proviamo a comprendere le tappe in grado di ergerlo a simbolo.

Paolo Prodi: la biografia

Paolo Prodi è nato il 3 ottobre 1932 (Bilancia) a Scandiano, in provincia di Reggio Emilia. Laureatosi in Scienze Politiche all’Università Cattolica di Milano, dopo essersi aggiudicato una borsa di studio presso il Collegio Augustinianum, si è poi perfezionato all’Università di Bonn, da allievo di Hubert Jedin, di cui ha proseguito l’opera di approfondimento sul Concilio di Trento. Ritenuto uno dei massimi esperti in storia del diritto e della Chiesa, nel 1973 ha fondato proprio col suo maestro l’Istituto storico italo-germanico di Trento, che ha diretto per più di due decenni. Professore di Storia moderna negli Atenei di Bologna (di cui è stato pure preside della Facoltà di Magistero), di Roma e di Trento (nonché rettore), è stato Presidente della Giunta Storica Nazionale, membro dell’Accademia Nazionale dei Lincei e dell’Accademia Austriaca delle Scienze.

Dal 1993 al 1994 è stato Deputato, eletto nelle fila del partito politico La rete, salvo poi abbandonare il movimento in dissenso con Leoluca Orlando. Tra i fondatori dell’Associazione di cultura e politica Il Mulino nel 1965, ha pubblicato con l’omonima casa editrice diverse opere illustri quali Giuseppe Dossetti e le Officine bolognesiIl sacramento del potere. Il giuramento politico nella storia costituzionale dell’Occidente, Il Sovrano Pontefice. Un corpo e due animeIl tramonto della rivoluzioneSettimo non rubareStoria moderna o genesi della modernità?Una storia della giustizia. 

Paolo Prodi: la vita privata

È stato lungamente sposato alla moglie Dede, che gli è stata accanto fino al resto dei suoi giorni, e padre di quattro figli: Giovanni, Gabriele, Marta e Mario. Vivevano a Bologna. Non è noto il patrimonio.

3 curiosità su Paolo Prodi

– È stato nominato Grand’ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana e ha ricevuto due medaglie ai benemeriti della cultura e dell’arte.

– L’Università di Trento gli ha intitolato il palazzo del Dipartimento di Lettere e Filosofia.

– Nel 1945, a 13 anni, vide uccidere il suo parroco, accusato dai partigiani di cooperazionismo con i tedeschi.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 31-10-2021


Giovanni Prodi: chi era il fratello matematico di Romano Prodi

Vittorio Prodi: biografia e privato del fisico e politico