Ha lavorato per la Ferrari, sfiorando il Mondiale in F1. Oggi è amministratore delegato della Juventus. Scopriamo chi è Maurizio Arrivabene.

Tra le new entry per la rifondazione Juve, lui è una delle figure più importanti. Gli amanti del Cavallino Rampante già lo conoscono, gli appassionati del pallone lo faranno presto. Si chiama Maurizio Arrivabene e dal 30 maggio 2021 è il nuovo amministratore delegato del club bianconero. Andiamo a conoscerne la storia. 

Maurizio Arrivabene: la biografia

Maurizio Arrivabene nasce il 7 marzo 1957, sotto il segno dei Pesci, a Brescia. Cresce – come racconterà egli stesso – “a nebbia e tondino”, tra le nebbie della Pianura Padana e la fabbrica fonte di reddito. La mamma è casalinga, il papà (che perde prematuramente) operaio, che gli trasmette la passione per le corse. Istituto tecnico in città, peregrina presto, già ai tempi dell’università: frequenta la facoltà di Architettura, a Venezia, senza mai conseguire la laurea.

L’interesse è lo sport. Nel cuore, l’atletica leggera (400 metri e lungo), tuttavia la lascia in favore del tennis perché gli permette di guadagnare qualcosa. Allestisce una squadra di football americano che si esibisce sul lago ghiacciato. Ma al primo posto c’è lo sci. Difatti, comincia a lavorare a Madonna di Campiglio, in qualità di organizzatore di eventi. Soprattutto, all’ombra delle Dolomiti, si occupa in prima persona di Vroom, l’evento sportivo in grado di richiamare intorno a Ferrari e Ducati la stampa internazionale. 

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Maurizio Arrivabene
Maurizio Arrivabene

Dopo vent’anni dedicati al marketing e alle iniziative promozionali, nel 1997 Maurizio Arrivabene entra in Philip Morris. Diventa il trait d’union tra il colosso del Tabacco e la Casa di Maranello. A dieci anni dall’ingresso nella società viene nomination Vice president of global communication & promotions. Passano altri tre anni e, in rappresentanza di tutte le aziende sponsor della classe regina dei motori, compie l’ingresso nella F1 Commission. Successivamente giunge a ricoprire l’incarico di presidente del consiglio di amministrazione Consumer Channel Strategy and Event Manager per Philip Morris International. Dal 2011 al 2012 è membro della Sport Business Academy (SDA Bocconi School of Management e RCS Sport), nel Program Advisory Team.

Dal 2012 fa parte del Consiglio di Amministrazione della Juventus, di cui, fino al 2015 è pure componente del Comitato Controllo e Rischi e del Comitato Nomine e Remunerazioni. Poi l’ennesima svolta. La Scuderia Ferrari lo sceglie per sostituire Marco Mattiacci alla direzione della sezione sportiva. Non arriverà mai il tanto agognato Mondiale: per tre volte su quattro la Rossa chiuderà seconda in classifica costruttori, con due titoli di vicecampione per Sebastian Vettel. A inizio 2019 Arrivabene viene sollevato dal ruolo, rimpiazzato con Mattia Binotto

Maurizio Arrivabene: la vita privata

Maurizio Arrivabene è sposato con Stefania Bocchi, parmense doc, ex portavoce in Ferrari e addetta all’ufficio stampa prima di Felipe Massa e poi di Kimi Raikkonen. Da una precedente relazione, Arrivabene ha avuto una figlia, Stefania, che, nel giugno 2018, lo ha reso nonno del piccolo Leonardo. Assieme alla compagna vive tra Brescia, Parma e Ginevra. Non ha profili social. Il suo patrimonio ammonta a 2 milioni di euro

5 curiosità su Maurizio Arrivabene

– Guidando una Mercedes Classe G, ha partecipato alla Parigi-Dakar 1987, dove si posizionò sesto nella classifica generale, primo tra gli italiani. 

– Ha chiamato un giovanissimo Andrea Agnelli come responsabile dell’attività in pista della Philip Morris. Un’esperienza trasformatasi in solida amicizia.

– Il maggior dispiacere procurato al padre è stato l’abbandono dell’atletica leggera, che tuttora segue con passione.

– Ha un fratello, Marco, dal 2007 tra i responsabili delle vendite per Philip Morris. 

– Lo chiamano Iron Mauri per la sua caparbietà ma principalmente per la dedizione al lavoro. 


Alicia Walker: tutto sull’autrice de La terza vita di Grange Copeland

Chi è Carolina Bonistalli, la moglie di Giorgio Chiellini