Massimo Ottoni: 3 curiosità sull’artista che disegna con la sabbia

Da anni, crea capolavori utilizzando come unico strumento le sue mani: Massimo Ottoni è in grado di fare magie!

Massimo Ottoni è un grande artista, il primo a portare in Italia la sand art, ovvero la pratica di disegnare con la sabbia. Il suo incredibile talento gli è valso grandi riconoscimenti a livello nazionale. Ma oltre ad essere bravissimo nelle arti manuali, ha una carriera di spicco nell’ambito dell’animazione cinematografica. Ecco qualche curiosità su Massimo Ottoni.

Chi è Massimo Ottoni

Classe 1975, Massimo Ottoni è nato a Fermignano, in provincia di Pesaro e Urbino. Da sempre interessato all’arte, ha deciso di intraprendere un percorso di studi dedicato a un tema che lo ha molto appassionato. E così ha frequentato la Scuola del Libro di Urbino, un famoso liceo artistico con indirizzo Cinema d’Animazione.

Sulla sua vita privata non abbiamo alcuna informazione. Massimo è un uomo molto riservato e non è molto amante dei social. Ha solamente un profilo Facebook, nel quale pubblica articoli sulla sua grande passione e che utilizza per mostrare ai fan il suo lavoro.

Massimo Ottoni, la sand art

Dopo aver portato a termine gli studi, Massimo Ottoni ha dedicato i suoi primi anni di carriera a girare cortometraggi animati e videoclip che hanno riscosso un notevole successo. Nel 1998, però, si è innamorato della sand art, ovvero l’arte di disegnare con la sabbia. Basta una tavola nera e del materiale granuloso (sabbia appunto, oppure zucchero o farina) per creare illusioni spettacolari.

Il talento di Massimo è così esploso: dal nulla, le immagini prendono vita e si dissolvono con un soffio di vento, per lasciare spazio ad altri disegni. Grazie al successo che ha ottenuto, l’artista ha iniziato a fare tour in tutta Italia, esibendosi assieme a vari cantanti. Ha collaborato anche con l’Orchestra Sinfonica Musica Civica, accompagnando la musica con le sue fantastiche immagini.

Nel 2019 è stato scelto da Enrico Nigiotti per partecipare al Festival di Sanremo. Il cantante, nella serata dei duetti, si esibisce assieme Paolo Jannacci nel brano intitolato “Nonno Hollywood”, e Massimo Ottoni porta in scena la sua arte: una vera innovazione sul palco dell’Ariston!

3 curiosità su Massimo Ottoni

• La sua carriera di artista della sabbia ha avuto inizio per caso. Mentre stava preparando dei videoclip da presentare per una serata live che avrebbe dovuto tenere, ha per errore cancellato l’intero contenuto del suo computer. E così ha deciso di portare sul palco una tecnica che aveva approfondito nei mesi precedenti, e che lo aveva molto appassionato. Era il 1998, e per la prima volta in Italia il pubblico ha potuto assistere ad uno spettacolo dedicato alla sand art.

• Ha inventato e costruito un banco speciale, sul quale può disegnare senza temere che le sue mani in continuo movimento vengano viste dal pubblico. Una novità che rende ancora più spettacolare le sue esibizioni.

• Ha collaborato con molti artisti, sia cantanti che attori: Stefano Bollani, Roy Paci, Ivano Marescotti e Pasquale Petrolo (Lillo del duo comico Lillo e Greg) sono solo alcuni dei nomi.

ultimo aggiornamento: 08-02-2019

X