Il nome e la carriera di Jacopo Volpi brillano nella galassia del giornalismo sportivo italiano. Scopriamo la sua storia, dalle origini al successo in tv.

Volto de La Domenica Sportiva al fianco di Paola Ferrari, Jacopo Volpi è uno dei più noti e affermati giornalisti italiani. Partiamo alla scoperta della sua storia, dalla biografia ai lineamenti della sua vita privata.

Chi è Jacopo Volpi e dove vive?

Jacopo Volpi è nato a Firenze, sotto il segno del Cancro, il 29 giugno 1957. È un giornalista e conduttore televisivo affermato a livello nazionale, famoso telecronista sportivo poi diventato vicedirettore di RaiSport.

Non è chiaro se viva nella sua città natale o no, ma sappiamo per certo che ha fatto il suo ingresso a Viale Mazzini, come collaboratore, nel lontano 1979. Inviato della trasmissione 90º minuto dalla fine degli anni ’80, è noto per essere il volto al timone de La Domenica Sportiva insieme alla collega Paola Ferrari (nel 2019 al fianco di Giorgia Cardinaletti).

Jacopo Volpi
Jacopo Volpi

La vita privata di Jacopo Volpi

Non si conosce granché della vita privata di Jacopo Volpi, che sembra lontano anni luce dal rumore del gossip e persino dai social. Davvero impossibile reperirne traccia su network come Instagram o Facebook, e poco è emerso sulle sue faccende personali.

Oltre le informazioni che lo riguardano sul piano professionale, le poche cose emerse sul suo conto le troviamo in una intervista del 2007 sul sito web lipari.biz in cui si parla brevemente della sua famiglia. “Sposato, due figli“, si legge, ma non c’è altro che chiarisca di più sulla moglie e sulla sua esistenza al largo dai riflettori.

Altre 3 cose da sapere su Jacopo Volpi

– Durante le Olimpiadi di Rio 2016, il giornalista ha condotto la trasmissione record (della durata di ben 8 ore quotidiane) sul resoconto di ogni giornata di gare.

– È il “padre” di una delle più famose definizioni della cronaca sportiva, coniata in occasione della vittoria azzurra ai Campionati Mondiali di Volley 1994 ad Atene. Jacopo Volpi ha inventato la frase “Generazione di fenomeni“, entrata poi nel gergo pallavolistico per indicare il gruppo di giocatori che formavano l’architettura della Nazionale italiana di pallavolo maschile negli anni ’90.

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19


Tutto su Sean O’Pry, il modello più pagato al mondo

Tutto su Simona Bertolotto, la social influencer che ha conquistato Vogue