Chi è Giulia Spagnulo (Zuzu): la vita privata e la lotta contro l'anoressia

Zuzu, la giovane fumettista e la sua lotta contro l’anoressia

Giulia Spagnulo, in arte Zuzu, è giovanissima ma ha già una maturità incredibile. E nei suoi fumetti racconta la storia della sua vita, che non è stata sempre facile…

Il suo nome d’arte è Zuzu, e deriva dal nomignolo con cui i suoi genitori la chiamavano da piccola. In realtà, dietro questo pseudonimo si cela Giulia Spagnulo, una delle più giovani fumettiste italiane ad aver raggiunto la fama. Il segreto del suo successo? Tanta bravura e un pizzico di fantasia. Ma nel suo fumetto d’esordio c’è molto della sua storia personale, inclusa la battaglia contro l’anoressia.

Giulia Spagnulo, la biografia

Nata a Salerno l’11 gennaio 1996, sotto il segno zodiacale del Capricorno, Giulia ha manifestato sin da piccolina un particolare talento nel disegnare. Da figlia unica di due genitori molto impegnati (papà psichiatra e mamma psicologa), ha iniziato a scarabocchiare per passare il tempo e dare sfogo alla sua fantasia, affinando sempre più la sua tecnica.

Ma a scuola, dopo essere stata sgridata per un “errore” di disegno, ha deciso di rinunciare alla sua passione e si è dedicata alla fotografia. Giulia è tornata alle illustrazioni solo ai tempi del liceo classico, scoprendo di non poter fare a meno di disegnare. In questo periodo ha scoperto il mondo del fumetto d’autore, al quale si è appassionata moltissimo.

In seguito Giulia si è trasferita a Roma, dove vive ancora oggi, e si è laureata in Illustrazione allo IED. Poco dopo ha messo a frutto le sue abilità e la sua fantasia per dare vita a Cheese, il suo primo fumetto. Ed è tra le pagine dell’albo che scopriamo la sua storia, di adolescente alle prese con un problema alimentare.

Giulia Spagnulo e l’anoressia

Giulia Spagnulo
Fonte foto: https://www.instagram.com/sono.zuzu/?hl=it

In una lunga intervista a Vanity Fair, Giulia ha raccontato quello che si cela nel suo passato, una ferita ormai cicatrizzata, ma sempre a rischio di riaprirsi. Attorno ai 14 anni ha iniziato ad avere disturbi nel comportamento alimentare, avvicinandosi pericolosamente all’anoressia.

Caduta nel baratro della malattia, è riuscita ad uscirne grazie ai suoi genitori, che si sono accorti di quanto le stava accadendo, e ad alcuni bravissimi specialisti che l’hanno aiutata. Oggi è felice del suo corpo e ha imparato ad amarsi, ma sa bene che quel mostro può essere sempre in agguato, ed è per questo che è decisa a stare sempre in guardia.

La vita privata di Giulia Spagnulo

Se per quel che riguarda la sua battaglia con l’anoressia non ha mai fatto segreto, Giulia è però molto più riservata in ambito sentimentale. Non sappiamo se è fidanzata o se è ancora single, e dal suo profilo Instagram non ricaviamo alcun indizio in tal senso. Tutte le sue foto, ad eccezione delle poche che la ritraggono da sola, sono infatti suoi bellissimi lavori.

3 curiosità su Giulia Spagnulo

•Ha un bellissimo gatto di nome Spillo.

•Si disegna sempre con un grande naso colorato di nero, perché da ragazzina ha avuto il complesso del naso troppo imponente per il suo volto.

•Nel 2019 ha realizzato la sigla de L’assedio, la nuova trasmissione di Daria Bignardi in onda su Nove.

ultimo aggiornamento: 16-10-2019

X