Conosciamo meglio l’ex calciatore Evaristo Beccalossi: dai gol che lo hanno portato al successo, alla sua vita privata.

Nato a Brescia il 12 maggio del 1956 sotto al segno del Toro, Evaristo Beccalossi è stato un calciatore centrocampista e campione d’Italia nel 1979/80. Dopo aver abbandonato il calcio a 35 anni, ha preso parte a numerosi show televisivi come opinionista, ad esempio Raisport e Al processo del lunedì. Ecco alcune curiosità sulla sua carriera e la vita privata!

Evaristo Beccalossi: vita privata e figlia

Sulla vita privata di Evaristo Beccalossi non si sa molto. È sposato con una donna di nome Danila, dalla quale ha avuto una figlia nel 1981: Nagaja Beccalossi.

La figlia di Beccalossi ha intrapreso la carriera di giornalista e conduttrice sportiva su Telelombardia dal 2001 al 2007. Nel 2007 incomincia a lavorare per Inter Channel come redattrice, diventando uno dei volti principali del canale sportivo milanese. Ha un profilo Instagram molto spontaneo e variegato, che spazia dalla passione per il calcio, agli amici e alla sua vita privata.

Vive a Milano, anche se non è noto il quartiere. Sui suoi guadagni non si hanno informazioni. Ha un profilo Instagram, dove spesso vengono mostrati, forse non direttamente da lui, scorci di vita quotidiana, di Inter, e di serata in compagnia degli amici.

La carriera di Beccalossi in pillole

Gianni Brera lo soprannominò Dribblossi in riferimento al suo stile di gioco: era solito prediligere il piede sinistro al destro.

-Durante la sua carriera nell’Inter ha collezionato 37 reti e una doppietta, quella del famoso derby del 1979.

-Due cantautori hanno dedicato dei loro brani a Beccalossi: Mauro Minelli scrive Scusa se insisto, mi chiamo Evaristo. Enrico Ruggeri invece scrive per lui e gli altri grandi del calcio la canzone Il fantasista.

-Nel 2006 ha preso parte a un videoclip del gruppo musicale Rezophonic.

-Paolo Rossi ha dedicato una pièce teatrale al mito del calcio: Ode a Evaristo Beccalossi. Lo spettacolo è incentrato sui due calci di rigore sbagliati consecutivamente dal campione nella partita dell’Inter contro il Slovan Bratislava.

-La famosa frase del giornalista Beppe Viola “Mi chiamo Evaristo, scusate se insisto” nasce a seguito del derby del 28 settembre 1979, dove Beccalossi segnò due gol di fila.

-Durante il periodo di maggior successo del calciatore, le cronache sportive impazzirono per la sua mancata partecipazione in Nazionale. Il commissario tecnico di allora fu il grande Bearzot, e a tal proposito il calciatore commentò la vicenda dicendo “che avrebbe voluto ucciderlo”.

3 curiosità su Evaristo Beccalossi

-Ha un cane di nome Frida.

-È molto appassionato anche di motori.

-Nel gennaio 2022 è tornato a scuola partecipando a Back To School, programma di Italia 1 condotto da Nicola Savvino.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 26-01-2022


Chi è Eleonora Brunacci, la moglie di Mariano di Vaio?

Chi sono i figli di Francesco Sarcina?