Daniela Santanchè è un personaggio sempre in vista, per via del suo impegno politico, ma anche per la sua vita privata piena di storie d’amore, l’ultima con Dimitri Kunz.

Daniela Santanchè, soprannominata La pitonessa, non ha bisogno di presentazioni, ma ha deciso di raccontare al pubblico la propria vita nel 2016 con un libro autobiografico dal titolo Sono una donna sono la santa, dove ha raccontato la sua vita fin da quando era bambina. Cosa che faremo anche noi andando a ripercorrere la biografia e la vita privata, sempre molto in vista, e la sua storia politica e imprenditoriale. Scopriamo tutto quello che c’è da sapere!

La biografia di Daniela Santanchè

Daniela Santanché, il cui cognome da nubile è Garnero, è nata a Cuneo il 7 aprile 1961, sotto il segno dell’Ariete. Il padre della Santanchè, Ottavio Garnero, era un imprenditore che lei ricorda nel suo libro come un uomo molto duro, ma onesto e leale.

Daniela Santanchè
Daniela Santanchè

Dopo il liceo, si trasferisce a Torino per frequentare l’università. Sono proprio questi anni a far crescere in lei la passione politica e la predisposizione per l’imprenditoria.

Nel 1983, dopo essersi laureata, fonda una società di marketing; ma è nel 1990 che dà vita alla Dani Comunicazione srl, azienda che diventa ben presto leader nel settore delle pubbliche relazioni e di organizzazione di eventi. Attualmente è presidente della Visibilia Pubblicità, agenzia che fornisce la pubblicità a diversi giornali, tra cui Il Giornale e Libero, e ha acquisito negli anni anche la rivista Ciak e Pc Professionale dal gruppo Mondadori. Invece con Dani Comunicazione è stata anche in società con Flavio Briatore nella gestione della discoteca Bilionaire a Porto Cervo.

Per quanto riguarda la sua carriera politica, si candida come deputata con Alleanza Nazionale nel 2000 riuscendo a essere eletta in Parlamento. Negli anni successivi poi è stata candidata per i seguenti partiti: La Destra, Movimento per l’Italia, Il popolo della libertà, Forza Italia e Fratelli D’Italia.

La vita privata di Daniela Santanchè

Negli anni dell’università la giovane studentessa incontra il chirurgo estetico Paolo Santanchè che sposerà nel 1982, prendendone il cognome (che non ha mai abbandonato sebbene i due abbiamo divorziato nel 1995 per un accordo giudiziale). La Santanché poi si lega l’ingegnere Giovanni Mazzaro, da cui ha un figlio nel 1996 di nome Lorenzo, con cui compare spesso in foto su Instagram. Al termine di questa seconda relazione, ne intraprende subito un’altra con il giornalista Alessandro Sallusti, con cui rimane per ben 9 anni, fino al 2016.

Alessandro Sallusti e Daniela Santanchè
Alessandro Sallusti e Daniela Santanchè

Chi è il compagno di Daniela Santanchè?

Dal 2016 Daniela Santanchè ha un nuovo compagno: è il principe Dimitri Kunz, principe D’Asburgo Lorena, diventato anche suo socio per Visibilia. I due innamorati sono coinvolti in una storia a dir poco particolare particolare: i loro rispettivi ex, Alessandro Sallusti e Patrizia Groppelli, D’Asburgo Lorena, hanno intrapreso a loro volta una relazione amorosa.

Kunz è un imprenditore anche lui e, come già detto, si occupa insieme alla compagna della società pubblicitaria Visibilia.

Dove vive Daniela Santanchè e patrimonio

La Santanché vive in una villa extra lusso nel centro di Milano, molto ampia e luminosa. Sappiamo inoltre che ha anche una Twiga, ovvero una capanna sul mare a Forte Dei Marmi, che però ha dovuto chiudere nel 2018 perché considerato abusivo, come scrive Il Corriere della Sera.

Per quanto riguarda il patrimonio sappiamo che è molto alto, anche perché sappiamo, come riporta anche Giornalettismo, che nel 2004 ha acquistato la villa dove abita per 1.2 milioni di euro, e il suo valore sfiorava i 4 milioni nel 2012. Nel 2018, come racconta Il Sole 24 Ore, ha subito un pignoramento da parte di una banca del cuunese, anche se in merito non si è saputo nulla.

7 minuti al giorno per un corpo da favola!

TAG:
Daniela Santanché

ultimo aggiornamento: 03-08-2020


Re Felipe VI: 6 curiosità sorprendenti sul sovrano di Spagna

Alessandro Sallusti: dal galeotto scambio di coppia al “giallo” delle verdure sempre alle sue spalle