Dopo essere stato a lungo all’estero, il virologo Andrea Crisanti è tornato in Italia e ha aiutato la Regione Veneto a combattere il Coronavirus.

Il suo impegno in prima linea durante la pandemia di Covid-19 gli è valso persino un riconoscimento: Andrea Crisanti ha contribuito notevolmente nell’arginare i contagi nella Regione Veneto, grazie al suo metodo per trovare e isolare i pazienti asintomatici. Ma forti contrasti con il presidente della Regione Luca Zaia lo hanno spinto a valutare un trasferimento…

Andrea Crisanti, la biografia

Nato a Roma il 14 settembre 1954, sotto il segno zodiacale della Vergine, Andrea Crisanti si è formato nella capitale: dopo la laurea in Medicina e Chirurgia, ottenuta presso l’Università La Sapienza, ha iniziato a lavorare al Policlinico Gemelli per poi andare all’estero. Ha preso un dottorato presso il Center for Molecular Biology dell’Università di Heidelberg, in Germania, dove ha poi lavorato come ricercatore.

Dopo essere tornato in Italia per un breve periodo, il dottor Crisanti si è trasferito a Londra ed è diventato professore di Parassitologia Molecolare presso l’Imperial College. È qui che ha condotto numerosi studi importantissimi, concentrandosi in particolar modo sulla diffusione della malaria mediante le zanzare.

Era in Italia da due anni, e più precisamente nel ruolo di direttore del Dipartimento di Microbiologia e Virologia dell’Università di Padova, quando è scoppiata l’epidemia di Coronavirus. Capendo l’importanza di individuare gli asintomatici per combattere la diffusione del contagio, il dottor Crisanti ha inventato un metodo – quello del tampone a cui sottoporre migliaia di cittadini – che ha permesso alla Regione Veneto di far fronte all’emergenza.

La vita privata di Andrea Crisanti

Dopo essere stato all’estero per molti anni, il dottor Crisanti si è trasferito a Padova. Tuttavia, nel 2020 ha espresso la sua decisione di lasciare la città e andare a vivere a Roma – dove è nato e cresciuto. Divergenze con il governatore Luca Zaia lo hanno spinto ad annunciare questa scelta improvvisa, spiegando di aver preso contatti con lo Spallanzani della capitale.

Per quel che riguarda la sua vita privata, Andrea Crisanti è estremamente riservato. Non ha profili social dai quali possiamo trarre qualche indizio in più sul suo conto, ma sappiamo che è sposato da tempo con Nicoletta Catteruccia e che la coppia ha avuto un figlio. La moglie vive ancora in Gran Bretagna, nonostante Andrea sia tornato in Italia.

3 curiosità su Andrea Crisanti

-Qualche anno fa, lui e sua moglie avevano deciso di tuffarsi nel mondo dell’hotellerie, aprendo una società che avesse in gestione alberghi e ristoranti. L’idea è naufragata poco dopo, e il dottor Crisanti è tornato alla virologia a tempo pieno.

-Suo figlio studia Fisica a Cambridge.

-Ha una grande passione per l’arte, e in particolar modo per la pittura barocca.

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 30-10-2020


Chi è Claudia Pandolfi, l’attrice che ha sconvolto la cronaca rosa degli anni ’90

Aurora Nardozzi, tutto sulla ex fidanzata di Marco Masini