Capodanno 2017 in TV su Mediaset

Gigi D’Alessio & Friends per un concerto di beneficenza

chiudi

Caricamento Player...

Capodanno 2017 in TV su Mediaset: dopo alcuni cambi di programma, per la terza volta Mediaset affida a Gigi D’Alessio il primo concerto del nuovo anno.

Gli ospiti della serata

La collaudata squadra di artisti capitanata da Gigi D’Alessio nel Capodanno 2017 sarà composta da grandi nomi e nuove voci scoperte grazie ai talent. Innanzitutto non mancherà la compagna di Gigi D’Alessio, Anna Tatangelo affiancherà la star della serata assieme a Loredana Berté, Raf, Michele Zarrillo e molti altri.
Tra i nomi direttamente provenienti da Amici 15 troviamo Sergio Sylvestre e Chiara Grispo. A dare un respiro internazionale alla serata penserà la cantante marocchina Boucha Dibe, conosciutissima dal grande pubblico per la sua canzone Blanc Ou Noir che è riuscita a scalare le classifiche internazionali (evento piuttosto raro per un brano in lingua francese).

Giovanni Caccamo è un giovane talento scoperto da Battiato e prodotto da Caterina Caselli, che ha vinto Sanremo 2015 nella categorie Nuove Proposte, ha partecipato all’edizione del Festival 2016, ha lavorato come speaker radiofonico e conduttore (per la scorsa edizione dello Zecchino D’Oro).

Capodanno 2017 in Tv su Mediaset: spettacolo e beneficenza 

Il concerto di Capodanno, si legge sulla pagina Facebook di Gigi D’Alessio, sarà un modo per coniugare la festa alla solidarietà: sarà infatti attivato un numero solidale, a cui sarà possibile inviare SMS di beneficenza. Il totale, raccolto durante il concerto, sarà devoluto alle popolazioni colpite dal sisma che lo scorso Agosto ha avuto come epicentro Amatrice.
Il Concerto sarà trasmesso su Canale 5, Rete 4 e in collegamento radiofonico su Radio 105 da Civitanova Marche.
Indiscrezioni vogliono che in realtà la scelta sulla cittadina marchigiana giunga dopo il “no grazie” che il grande evento Mediaset ha ricevuto dalle amministrazioni cittadine di Roma e di Palermo. Le motivazioni alla base del rifiuto sarebbero state per Roma il desiderio di non compromettere il manto erboso del Foro Italico – recentemente ripiantato – e per Palermo la volontà definire solo attraverso un bando pubblico gli artisti che avrebbero dato vita al concerto cittadino di Capodanno.