La camelia, un fiore delicatamente strutturato simbolo di Maison Chanel

Vi siete mai chiesti per quale motivo la camelia è diventata il simbolo della Maison Chanel? Un fiore capace di donare luminosità ed eleganza.

chiudi

Caricamento Player...

Se nominate la camelia ad una fashionista, vi risponderà senza esitare Chanel! Essa infatti, insieme alle C incrociate e alle perle, è uno dei simboli della Maison francese.

Il fiore, rigorosamente bianco, è comparso per la prima volta su un vestito Chanel nel 1923 e da allora è diventato un dettaglio che contraddistingue a ogni creazione della casa di moda. La sua delicatezza e la sua bellezza hanno conquistato il cuore di Coco quando quest’ultima aveva solo 13 anni.

Il fiore regalatole dal suo amato

Coco Chanel amava le camelie. Era affascinata  dalla rotondità quasi geometrica, dalla perfezione dei petali, dalla mancanza di spine e dalla totale assenza di profumo. Lei era solita appuntarlo sui suoi iconici tailleur e l’assenza di profumo le era congeniale in quanto non si mischiava con il suo.

Probabilmente Chanel amava questo fiore in modo smisurato perché pare fosse il primo fiore regalatole da Arthur Boy Chapel,  il suo grande e sfortunato amore, fonte di ispirazione per le sue creazioni ma anche finanziatore della prima boutique Chanel a Parigi.

La camelia ieri e oggi

Nel 2009 Karl Lagerfield, direttore creativo, ha presentato una intera collezione di abiti ispirati a questo fiore e, siccome parliamo di un “grande” attento  sia ai micro che ai macro particolari, anche la scenografia della sfilata richiamava appunto la camelia.

Oltre alla moda, agli accessori e ai profumi, la Maison Chanel produce anche una linea di alta gioielleria ed orologeria. La collezione di Haute Joaillerie è iniziata addirittura nel 1932 e disegnata dalla stessa Coco.

A tutt’oggi, pur sempre rinnovandosi, Chanel è rimasta comunque fedele all’ispirazione della sua creatrice e la camelia non manca mai. Qualche esempio? Borse, stivali da pioggia, brooch in tessuto, costume jewelry e gioielli in genere, addirittura Lip-gloss.