Il rito del caffè come Patrimonio Immateriale dell’Umanità. È questa l’iniziativa del Consorzio di tutela del caffè espresso italiano tradizionale.

Il 1° ottobre è la Giornata Mondiale del Caffè e per l’occasione il Consorzio di Tutela del Caffè Espresso Italiano Tradizionale ha annunciato la nascita della “Comunità del Rito del Caffè Espresso”. Lo scopo è quello di promuovere la candidatura del caffè italiano come Patrimonio Unesco. Parte fondamentale della nostra cultura e della nostra socialità, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha già trasmesso il dossier di candidatura.

Caffè espresso e Patrimonio Unesco: partita la campagna

È partita la campagna per sostenere la candidatura del caffè espresso italiano come Patrimonio Immateriale dell’Umanità Unesco. Lo scopo è quello di riuscire a raccogliere firme e contributi artistici per la creazione di un e-book. Tutti gli appassionati, infatti, potranno raccontare un’esperienza personale legata al rito del caffè, attraverso poesie, fotografie, oppure racconti e disegni. Una vera e propria raccolta che potrà essere scaricata gratuitamente attraverso i canali ufficiali della comunità.

Come spiegato da Giorgio Caballini di Sassoferrato, Presidente del Consorzio di Tutela del Caffè Espresso Italiano Tradizionale: “Quello del caffè espresso in Italia è molto più di un rito quotidiano. Attorno a questo semplice gesto che milioni di italiani compiono ogni mattina ruota una parte fondamentale della nostra cultura e della nostra socialità. È un modo per ciascuno di noi di sentirsi parte di una comunità ed è anche il motivo per il quale noi, tutti insieme, intendiamo sostenere e tutelare un rito legato alle nostre tradizioni e alla nostra storia, che ci rappresenta e identifica in tutto il mondo”.

Caffè
Fonte: https://pixabay.com/it/photos/caff%C3%A8-cappuccino-drink-3842200/

Il rito del caffè, parte fondamentale della nostra cultura

Il caffè espresso, quindi, potrebbe diventare patrimonio dell’Unesco, con il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che ha trasmesso alla Commissione italiana per l’Unesco il dossier di candidatura “La cultura del caffè espresso napoletano”. A Napoli, come nel resto d’Italia, d’altronde, il caffè è considerato una vera e propria arte, segno di accoglienza e parte fondamentale della nostra cultura.

Come spiega attraverso una nota la Regione Campania: “Il caffè in Italia non è soltanto una bevanda ma esprime una vera e propria cultura, un rito tutto napoletano che ha dato vita a tradizioni diffuse ovunque, come quella del caffè sospeso che evoca il senso dell’ospitalità, solidarietà e convivialità”.

Fonte foto: https://pixabay.com/photos/coffee-cafe-coffee-powder-grounded-206142/

Scopro le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19

TAG:
Caffè patrimonio unesco vetrina

ultimo aggiornamento: 01-10-2020


Le mascherine possono diventare un vaccino? Ecco l’ipotesi di alcuni esperti

Bay Yanlis è stata cancellata: la serie TV con Can Yaman arriverà comunque in Italia