Aurora Ramazzotti e quella paura che ogni tanto si fa sentire

Aurora Ramazzotti si è raccontata in un’intervista al Corriere della Sera dove ha parlato anche di mamma Michelle e papà Eros…

chiudi

Caricamento Player...

Mamma Michelle l’ha aiutata più di una volta a farmi scivolare le cose addosso, mentre papà Eros Ramazzotti è il suo Superman: “E’ buono come il pane, io no, ho un po’ di malizia in più. Lui è davvero l’uomo che più ammiro al mondo“. A parlare è Aurora Ramazzotti, che in un’intervista a Il Corriere della Sera si è raccontata: “Non sarò mai una figa stratosferica, ma ora sono felice con me stessa. La bellezza è tante cose: il tuo modo di essere, di fare, di metterti in relazione con gli altri. I momenti di debolezza li hanno tutte: mia madre e Angelina Jolie”.

Aurora Ramazzotti ammette di essere felice, ma di avere paura

Adesso Aurora vive da sola e talvolta è spaventoso: “Ho avuto bisogno di assestarmi un po’. Condivido l’appartamento con Camilla, ci conosciamo da che eravamo all’asilo. Quando non c’è ancora, ogni tanto, ho paura…”.

Ma è cresciuta ed è molto più sicura di sé, anche grazie all’amore di Sole e Celeste, le figlie che mamma Michelle ha avuto con Tomaso Trussardi, e Raffaela Maria e Gabrio Tullio, i figli di papà Eros e Marica Pellegrinelli:

“Non riesco più a immaginare la mia vita senza di loro. Però sono anche felice di poter scegliere quando andare a trovarli, perché non è tutto rose e fiori: mi tirano i capelli, mi vomitano addosso, mi lanciano gli oggetti.

Da mia madre non ho più la stanza perché ora c’è la culla di Celeste: sono diventata brava come un Ninja a muovermi senza svegliarla… Da mio padre, invece, ho mantenuto la stessa camera, racconta.

Dei compagni di vita dei genitori dice: “Marica e Tomaso sono persone da cui mi sento ispirata. Marica ha davvero salvato mio padre da se stesso, lui aveva bisogno di qualcuno a cui dare amore. E’ di una bellezza devastante, la mattina quando si alza e la sera quando va a dormire. E poi sa un sacco di cose ed è pure un po’ pignola.

E’ una figura molto positiva e stabilizzante, nei miei confronti sta sempre due passi indietro come è giusto che sia: non vuole sostituirsi a mia madre. Tomaso è una sorta di fratello maggiore. Di lui ammiro la dedizione al lavoro impressionante e la pazienza con cui prova a spiegarmi invano l’economia, che cos’è il Pil!“, dimostrando una maturità rara per la sua età.