Aprile, un week end enogastronomico a Napoli

Nella città dello slow food per eccellenza, una trattoria e un wine bar da non perdere assolutamente

chiudi

Caricamento Player...

Aprile, un week end enogastronomico a Napoli servirà a godere dei piaceri della tavola di una città che fa della preparazione e della consumazione del cibo una vera e propria arte.

Da Nennella, cuore dei Quartieri Spagnoli

La tradizione più verace della cucina napoletana è ancora perfettamente viva, e prospera nelle trattorie piccole e piccolissime che si annidano soprattutto nei quartieri popolari. Tutte offrono generalmente prezzi molto contenuti (raramente si superano i 25 euro a persona per un pranzo più che completo) e soprattutto una cucina casareccia che mette in tavola piatti e ingredienti di stagione.
La più famosa dei Quartieri Spagnoli, che si è guadagnata un nome attraverso gli ultimi decenni della storia cittadina, è sicuramente Nennella. Il servizio è caratteristico: i clienti sono bersaglio delle bonarie angherie dei camerieri, che fanno dello show improvvisato uno dei punti di forza di questa trattoria al Vico Lungo Teatro Nuovo, 103. I piatti tipici del menu (rigorosamente recitato a voce e quasi mai offerto in versione cartacea) sono la celeberrima pasta e patate con la provola, le minestre di scarole, la pasta al forno, il ragù tradizionale e il sugo alla genovese, preparato ancora da Nennella, anziana ma fiera proprietaria della trattoria.

Aprile, un week end enogastronomico a Napoli bevendo i vini dei Re di Napoli

Il wine bar Archivio Storico si trova a Via Scarlatti, una delle più rinomate vie dello shopping cittadino nel quartiere Vomero. L’ambiente, di concezione modernissima, reinterpreta la tradizione e l’orgoglio della Capitale del Regno delle Due Sicilie: tutte le sale dell’enoteca infatti sono intitolate a uno dei Re di Napoli e accolgono immagini degli illustri sudditi del glorioso dominio dei re spagnoli. L’offerta di vini è molto ampia e divisa per regione di provenienza: le regioni, naturalmente, del Regno delle Due Sicilie.
Ai vini e ai cocktail si accompagnano,durante l’intero arco del giorno, anche finger food, piatti di carne, carpacci (ricercatissimo il carpaccio di manzo con lamponi e parmigiano), insalate e dessert.

Fonte immagine di copertina: Archivio Storico