Le migliori app per registrare telefonate: le applicazioni più facili da usare e affidabili per la registrazione delle chiamate in automatico.

Esistono molte app per registrare telefonate sugli store dei nostri telefoni. Pur non essendo sempre necessaria, spesso la registrazione delle nostre conversazioni, in occasioni particolarmente importanti o delicate, può infatti essere inevitabile. Ma come scegliere tra le centinaia di applicazioni presenti sul mercato? Ecco una piccola lista di app per registrare chiamate particolarmente efficaci e affidabili.

Attenzione però: ricorda sempre che registrare una telefonata senza avvisare l’interlocutore, pur non essendo di per sé un reato, può equivalere a una violazione della privacy qualora le registrazioni fossero divulgate. Meglio quindi non abusare di questi strumenti!

App registra chiamate: le migliori per Android

Ovviamente esistono app registrazione chiamate sia per Android che per iOS. Partiamo dal primo universo. Una delle app più famose per questo tipo di attività è Call Recorder, uno strumento facile da usare e completo, disponibile al prezzo di 11,99€, ma presente anche in versione di prova gratuita, utilizzabile per una settimana. Una volta installato e dopo aver concesso i necessari permessi, il software si attiverà in automatico quando effettuerai o riceverai una chiamata. Al termine della conversazione, le registrazioni potranno essere ascoltate avviandol’app e premendo su quella di nostro interesse. I file potranno tra l’altro essere anche convertiti in MP3 o criptati.

Ragazza Telefono Seguita Stalking
Ragazza Telefono

Altra famosa app per registrare telefonate per Android, ma stavolta a costo zero (e meno performante) è RMC: Android Call Recorder. Dopo averla scaricata e aver accettato le condizioni di utilizzo, l’app funzionerà come la precedente, ovvero si automaticamente all’inizio di ogni chiamata per poi lasciare la registrazione di un file al proprio interno.

Altre soluzioni consigliate per Android sono Registratore chiamate ACR, che funziona sia manualmente sia in automatico ed elimina da solo le chiamate dopo un certo periodo di tempo, o Registratore di chiamate, altra app famosa e molto semplice da usare.

Applicazione per registrare chiamate su iPhone

Non saranno tante come le app per ascoltare musica gratis, ma di soluzioni per registrare le telefonate non ne mancano sullo store Apple. Tra le tante, la più famosa è forse TapeACall (app che viene però dichiarata non funzionante con linee Vodafone). Si tratta di un software gratuito che permette di registrare i primi 60 secondi delle chiamate in entrata o in uscita. Per poter avere la versione Premium, senza alcun limite di tempo, il costo è di 9,90€. Dopo aver effettuato il download, e aver attivato il servizio seguendo la procedura illustrata dalla stessa app. Dopodiché, per poterla utilizzare, basterà attivarla e pigiare sul bottone con il cerchio rosso e avviare una telefonata digitando il numero di telefono o selezionando fra i contatti. Per le chiamate in entrata basterà pigiare sempre sul tasto rosso al centro dello schermo.

Registrare la voce con lo smartphone
Registrare la voce con lo smartphone

Un altro registratore di chiamate automatico per iPhone è IntCall Call Recorder, a sua volta disponibile gratuitamente sullo store. Rispetto agli altri però si differenzia per un’importante caratteristica: funziona con un sistema di crediti. Si parte con un credito di 0,3$ da spendere entro due settimane, dopodiché bisognerà procedere all’acquisto di uno dei pacchetti, da 5 a 50 dollari (le chiamate verso l’Italia costano 10centesimi al minuto). Un meccanismo che la rende forse meno conveniente rispetto alle altre opzioni, ma la qualità è di ottimo livello.

Altre app per iPhone destiante a questo utilizzo sono iPadio, app gratuita che prevede però il download dei file riprodotti, disponibili in automatico sul cloud della società, e infine Audio Recorder 2, un software che costa 3,99$ e permette di registrare le chiamate e l’audio di sistema.


Louis Vuitton aprirà il primo negozio di cioccolato a Tokyo

Il Trono di Spade: ecco tutti i libri e in che ordine leggerli