Le migliori app per imparare lingue straniere: da DuoLinguo a Babbel, ecco i migliori programmi per poter apprendere una nuova lingua.

Hai sempre sognato di parlare una nuova lingua ma non vuoi spendere migliaia e migliaia di euro in corsi che, senza un percorso successivo, potrebbero rivelarsi inutili? La soluzione che fa per te esiste, ed è già tra le tue mani! Esistono infatti decine e decine di app per imparare lingue straniere, o per migliorare la propria lingua. Programmi semplici che possono aiutarti a portare a compimento uno dei buoni propositi più frequenti, ovvero l’apprendimento di una nuova lingua! Scopriamo insieme quali sono le applicazioni di learning più amate e utilizzate dagli utenti.

App per lingue straniere: le migliori

Una delle applicazioni più consigliate e amate è certamente Duolinguo. Si tratta di un programma che permette di imparare gratuitamente e senza abbonamento ben 23 lingue. Grazie a una grafica minimale e alle chat con gli esperti di vari settori permette di potenziare il proprio lessico e le regole grammaticale senza grande difficoltà. Inoltre, mette a disposizione degli utenti dei pacchetti separati da poter acquistare, se lo si desidera, a un prezzo vantaggioso.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

bambina ragazza divano sorriso smartphone cellulare
mamma e figlia mentre usano app per imparare lingue straniere

Tra i programmi per imparare le lingue uno dei più famosi è poi Rosetta Stone, leader nell’insegnamento da 25 anni. Grazie a un software leggero e pratico, permette di apprendere 24 lingue con un metodo intuitivo e immersivo, basato sull’ascolto, la ripetizione e anche sulle immagini. Prima di sottoscrivere un abbonamento è possibile provare attraverso una lezione gratuita, per capire se questo è il percorso che fa per noi.

Esistono app lingue per imparare la grammatica, e altre per migliorare la pronuncia. Tra queste, una delle migliori è in assoluto Hi Native. Si tratta di un software che permette di porore domande e dare risposte su una bacheca simile a quelle dei social. A ogni domanda risponderà un madrelingua.

C’è poi Memrise, la cui mission è una sola: imparare bene poche lingue, ma in modo decisamente divertente. Permette infatti di interagire con lo spazio e di apprendere una nuova lingua attraverso quiz, video ed altri esempi tratti dalla vita di tutti i giorni. Inoltre, i propri progressi vengono valutati con una piantina che cresce e mano a mano si riempie di fiori. Le lingue disponibili per la versione italiana sono l’inglese, il tedesco, lo spagnolo, il francese, il giapponese, il russo, il cinese, l’arabo e il portoghese. L’app è disponibile sia in versione gratuita sia attraverso abbonamenti mensili annuali, il cui prezzo è variabile.

Un altro programma per imparare le lingue particolarmente amato dagli utenti è Busuu, l’app più social di tutte. Grazie a questo software possiamo entrare in una community linguistica da milioni e milioni di persone, garantendoci oltre mille lezioni create da esperti e potenziate da tecnologie avanzate di e-learning. La cosa migliore è però la possibilità di poter godere del supporto di un madrelingua a nostra completa disposizione per sciogliere ogni dubbio e per esercitarci. L’app è disponibile solo a pagamento, con tariffe che vanno dai 4,99€ ai 74,99€.

Uomo Smartphone
Uomo Smartphone

Continuiamo con Beelinguapp, l’ape che ci aiuta a imparare una nuova lingua attraverso un metodo di apprendimento unico, basato su articoli di attualità, racconti, favole e altri testi, abbinati a giochi, immagini e canzoni da cantare come in un karaoke. L’applicazione è disponibile in versione gratuita (con il 60% dei contenuti disponibili) e premium.

Chiudiamo con Babbel, l’app più famosa in assoluto tra quelle disponibili. Nonostante una selezione di lingue non particolarmente ampia, garantisce una qualità, un’attenzione e una cura maniacale, capace di soddisfare anche gli utenti più esigenti. L’app è disponibile per Android, iOS e ovviamente anche in versione web.


La casa Paris Hilton: il cuore dorato di Los Angeles in un nido tutto lusso e zero risparmio

Le migliori app per disegnare su tablet (e non solo)