5 lire rare: ecco il valore delle monetine utilizzate molti anni fa in Italia, da pochissimi euro a migliaia di euro a seconda dell’annata di coniazione.

Ci sono monetine che possono valere un tesoro! Ad esempio alcune vecchie 5 lire piuttosto rare, monete amatissime dai collezionisti e dai nostalgici. Se sei un accumulatore seriale e pensi sia arrivato il momento di disfarti delle monete tenute per anni nella classica scatola di biscotti danesi, pensaci bene prima buttarle via! Tra quei vecchi bottoni di ferro potrebbero infatti nascondersi delle vere e proprie perle dal valore di migliaia di euro!

Valore 5 lire: le annate più rare

Tra le cinque lire più rare ci sono quelle coniate nel 1946. Si tratta delle monetine con un grappolo d’uva su una delle due facce. Controllate bene se è una di quelle monetine conservate per anni e anni e quasi dimenticate. Questa piccola monetina a tema bucolico infatti, se in buone condizioni, può valere fino 1200 euro secondo gli esperti! Stesso discorso per quelle del 1947. Se invece la stessa moneta presenta una data diversa, il suo valore cala notevolmente, fino a un massimo di 50 euro.

Ma ci sono altre monetine e altri anni che possono avalere una fortuna. Ad esempio la moneta da 5 lire del 1956. In molti ancora la ricordano: si tratta infatti di quella splendida monetina che su una delle due facce aveva un delfino.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

5 lire
5 lire

Se hai una di queste graziose monetine, potresti ritrovarti in casa un piccolo tesoretto da circa 2mila euro. Va sottolineato comunque che per ricevere una somma di questo tipo l’oggetto deve essere custodito a fior di Conio, come dicono gli estimatori, ossia nella miglior condizione possibile, come se fosse appena uscita dalla zecca.

Come scoprire il valore delle 5 lire

Ma qual è il valore delle 5 lire del 1954? E delle 5 lire del 1953 o del 1955? Ovviamente dipende da una serie di fattori. Non solo bisogna tener conto delle condizioni, ma anche di una serie di parametri cari agli esperti. Attraverso diversi siti si può usufruire di perizia e valutazione da parte di un team apposito di esperti di numismatica capaci di valutare ogni moneta rara.

In particolare bisogna tenere in considerazioni tre fattori: lo stato di conservazione, la rarità e l’attrazione a livello commerciale. Per quanto riguarda conservazione e rarità il valore è totalmente soggettivo: esistono linee guida, ma non si possono stabilire questi elementi con oggettività. Diverso il discorso per quanto riguarda il livello commerciale. In questo caso è necessario conoscere l’andamento del mercato. Più collezionisti sono interessati al tuo pezzo, più è probabile che il suo prezzo possa salire.


Pensione: tutti i requisiti per potervi accedere

Cosa significa e cos’è la pandemic fatigue?