Viaggi in auto dal 3 giugno: le novità sugli spostamenti in macchina nella nuova fase dell’emergenza coronavirus.

I viaggi in auto sono stati un motivo di grande preoccupazione durante tutta l’emergenza coronavirus. La Fase 2 non è ancora ufficialmente alle spalle, ma di fatto dal 3 giugno scorso, con il via libera allo spostamento tra le regioni, siamo entrati in una nuova fase dell’emergenza.

È giusto chiedersi allora come si viaggia in auto in questo periodo in cui molto è cambiato, ma non tutto. Ecco le regole fondamentali da seguire se ci si vuole spostare con la propria autovettura senza rischiare di incappare in fastidiose e salate multe.

Viaggi in auto dal 3 giugno: quanti passeggeri?

Partiamo dalle basi. Bisogna continuare a indossare la mascherina se si viaggia in compagnia di persone che non sono conviventi. In caso contrario, la protezione non è necessaria.

Ma in quanti si può viaggiare all’interno del veicolo? La risposta in questo caso è varia. Dipende infatti dalla grandezza dell’automobile.

In classiche vetture da cinque posti con due file di sedili si potrà viaggiare al massimo in tre persone, con il guidatore davanti e i passeggeri sul sedile posteriore. Se invece non si è conviventi si potrà viaggiare al massimo in due: il guidatore e un passeggero sistemato alle sue spalle.

Viaggi in auto
Viaggi in auto

Su automobili di maggiori dimensioni, con più di due file di posti, si può invece viaggiare con un massimo di due passeggeri per fila, ma solo se vi è abbastanza spazio tra i singoli posti. Per fare un esempio più concreto, nei Suv a sette posti con due poltrone in terza fila potrà esserci una sola persona in più, arrivando a un totale di massimo 4 persone.

Per quanto riguarda invece le auto da soli due posti, è possibile viaggiare solo in compagnia di conviventi.

Ricapitoliamo sottolineando il numero di passeggeri possibili (escluso il pilota) a seconda della capienza della vettura e soprattutto considerato se si viaggia o no con dei conviventi.

– In auto da 2 posti è ammesso solo 1 passeggero se convivente.

– In auto da 4 posti sono ammessi 3 passeggeri se conviventi, 2 passeggeri se non conviventi.

– In auto da 5 posti sono ammessi 4 passeggeri se conviventi, 2 passeggeri se non conviventi.

-In auto da 6 posti sono ammessi 5 passeggeri se conviventi, 2 passeggeri se non conviventi.

-In auto da 7 posti sono ammessi 6 passeggeri se conviventi, 4 passeggeri se non conviventi.

Viaggi in auto: dove si può andare dal 3 giugno

La novità più importante per quanto riguarda gli spostamenti dal 3 giugno, secondo quanto stabilito dal DPCM del 17 maggio, è l’apertura agli spostamenti tra le regioni.

Sono infatti diventati possibili per tutti i passaggi da una regione all’altra, senza bisogno di autocertificazione o motivazioni specifiche. Non si tratta di un via libera totale, dunque, ma poco ci manca!

Come nel caso dei viaggi sui mezzi pubblici, dunque, ormai ci si può muovere senza particolari problemi: basta fare attenzione alle poche semplici regole sopra descritte.

Il lockdown fa ingrassare? Scarica QUI la dieta da seguire ai tempi del coronavirus.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 08-06-2020


Coronavirus: dopo l’emergenza, medici e infermieri rischiano il burnout

Renzo Arbore torna in TV: su Rai 2 conduce Striminzitic Show