Per proteggerci nel modo più efficace possibile, dovremmo imparare a filtrare le informazioni e a utilizzare solo le fonti comprovate e affidabili.

Tuttavia, non è sempre facile raggiungere la fonte delle notizie apparse su Internet. Cerchiamo di controllare le informazioni più diffuse relative alla sicurezza durante la pandemia e di verificarne l’esattezza. Quali sono le verità e quali le leggende?

1. La maschera può essere sterilizzata in acqua bollente o in forno: FALSO

Anche a gennaio, i siti web cinesi hanno ricevuto informazioni pubblicate da un presunto medico, che raccomandano la “disinfezione domestica” delle maschere usa e getta. Il video, pubblicato per la prima volta da un popolare blogger cinese, ha registrato oltre 60.000 visualizzazioni a gennaio. Il video istruisce su come disinfettare una maschera con il vapore che esce da una pentola di acqua bollente. L’intero processo presentato dura 10 minuti. I siti web inglesi sollevano anche la questione se la maschera monouso può essere sterilizzata a casa, ad esempio nel forno, dato che il virus muore a 70°C.

Per rispondere alle domande, è necessario chiarire diversi concetti. Sul mercato esistono sia maschere monouso (chirurgiche) che riutilizzabili con filtri, così come maschere a barriera. Ognuna di esse viene trattata in modo diverso. La maschera monouso – come suggerisce il nome – è destinata ad un uso singolo. Realizzata in tessuto di polipropilene, è caratterizzata da un’elevata permeabilità all’aria e allo stesso tempo da un elevato grado di protezione. Tuttavia, mantiene la sua efficacia per un breve periodo. D’altra parte, una maschera usata in modo improprio o non correttamente smaltita può essere di per sé fonte di infezione. Pertanto, negli ospedali, tali maschere vengono smaltite, dopo essere state sterilizzate in autoclave.

Le maschere riutilizzabili tipo FFP2 e FFP3 con filtro sostituibile sono prodotti che possono essere riutilizzati dopo la sterilizzazione. Tuttavia, ricordarsi di distinguere tra disinfezione e sterilizzazione. Grazie alla disinfezione, ci si libera della maggior parte dei microrganismi da una determinata superficie, ma anche effettuare questo processo ad alta temperatura utilizzando elettrodomestici non può mai essere assolutamente certo. La sterilizzazione, cioè l’eliminazione del 100% dei microrganismi, viene effettuata in autoclave. Tali dispositivi non rientrano più solo nell’ambito degli ospedali e degli studi medici. Autoclavi completamente professionali, piccole e facili da usare sono disponibili sul mercato per circa 1000euro. Tali apparecchiature possono essere acquistate per uso domestico. Le autoclavi professionali si trovano anche nei saloni di bellezza. Attualmente, alcune di esse sono utilizzate per aiutare durante la pandemia.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Sterilizzatrice
Sterilizzatrice

2. Il virus può sopravvivere su oggetti di uso quotidiano per molte ore: VERO

Il coronavirus COVID-19 può essere trasmesso attraverso gocce di saliva. Ricordate, tuttavia, che non solo il contatto diretto con una persona infetta che tossisce o starnutisce può portare all’infezione. Le goccioline (secrezioni nasali, saliva) contenenti il virus, possono depositarsi su vari oggetti, e rimanere attive per ore. Toccando, ad esempio, la maniglia della porta con cui una persona infetta ha aperto la porta e poi il proprio cellulare, e se ci tocchiamo il viso dopo aver usato il telefono – possiamo infettarci.

Per questo motivo l’accento è posto sulla regolare disinfezione degli oggetti di uso. Ricordiamoci che il virus può sopravvivere su varie superfici da diverse ore fino a diversi giorni:

– su carta e cartone – fino a 24 ore,

– su plastica e acciaio inossidabile – 2-3 giorni,

– su prodotti in rame – 4 ore.

Ricordiamoci quindi della regolare disinfezione di articoli come I dispositivi elettronici (specialmente il già citato cellulare), carte di credito, chiavi, occhiali, ecc., così come le maniglie delle porte, gli interruttori delle luci e i pulsanti del campanello.

Alcuni oggetti sono facilmente disinfettabili con il disinfettante, mentre altri, soprattutto metallo o plastica (naturalmente quelli che non contengono componenti elettronici) sono un problema. Ciò vale soprattutto per gli oggetti metallici la cui superficie ruvida non consente una pulizia accurata con un agente a base di alcol. Il metodo più efficace è la sterilizzazione in autoclave di oggetti come chiavi, gioielli, monete e persino occhiali.

3. Il virus può essere attivo nell’aria: VERO

Sebbene il coronavirus non possa sopravvivere a lungo nell’atmosfera, tuttavia, come già detto, è in grado di sopravvivere per un certo tempo su varie superfici. Può anche essere attivo nell’aria per un certo tempo. Secondo uno studio di un team di scienziati dell’Università della California di Los Angeles e del National Institutes of Health e della Princeton University, il virus può sopravvivere nell’aria per più di tre ore (fonte https://www.nih.gov/news-events/news-releases/new-Coronavirus-stable-hours-surfaces). Ecco perché è così importante seguire le regole di sicurezza – non uscire di casa se non è essenziale, mantenere una distanza di sicurezza tra persone negli spazi pubblici, e una meticolosa disinfezione delle mani e sterilizzazione degli oggetti. È inoltre pienamente giustificato l’uso di mascherine in luoghi dove il rischio di infezione è più elevato.

Non possiamo sapere se il virus finirà in un oggetto o magari in un capo di abbigliamento. Gli smartphone e le apparecchiature elettroniche devono essere disinfettate con prodotti progettati per i display e gli schermi, in quanto sono elementi particolarmente sensibili sia all’umidità che agli agenti chimici. Le salviette impregnate con tale preparazione o gli spray possono essere la soluzione migliore (ad esempio, soluzione acquosa di alcool isopropilico al 70%). È consigliato pulire le carte di credito in modo simile, prestando particolare attenzione alla zona intorno al microchip. Mentre per pulire gli occhiali è consigliato usare salviette imbevute di preparato per la pulizia delle ottiche. Le chiavi possono essere lavate in una ciotola con acqua calda con l’aggiunta di detersivo, anche se in questo caso l’unico metodo affidabile è l’autoclave.

Ricordatevi che spruzzare sul corpo liquidi disinfettanti, alcool e liquidi al cloro non protegge dal coronavirus. I liquidi disinfettanti non funzionano come repellente. Non “scoraggiano” il virus, quindi non ha senso spruzzare il corpo in modo profilattico. Tali misure, inoltre, non uccidono un virus che è già entrato nel corpo. Inoltre, l’uso di disinfettanti per superfici o di agenti a base di cloro può provocare reazioni allergiche, danni o irritazioni alla pelle, alle mucose e persino alle vie respiratorie.

4. Gli animali trasmettono il coronavirus: FALSO

L’Organizzazione Mondiale della Sanità sottolinea che non si può prendere il coronavirus COVID-19 da animali domestici. Non ci sono prove di una possibile trasmissione del coronavirus COVID-19 agli esseri umani da parte di cani o gatti. Ci sono stati diversi casi di infezione su un animale da parte di un essere umano (cane a Hong Kong, gatto in Belgio). In entrambi i casi, gli animali hanno subito un’infezione molto lieve, così come la tigre dello zoo di New York, che era stata infettata dal coronavirus COVID-19 in aprile (la tigre con un risultato positivo al test è stata infettata dal suo guardiano, che era un portatore asintomatico).

Non è stata trovata alcuna possibilità di trasmissione del virus tra animali o di infezione secondaria dell’uomo – rassicura l’OMS (fonte: https://www.who.int/news-room/q-a-detail/q-a-coronaviruses#:~:text=symptoms). Questo non sarebbe il primo caso di zoonosi inversa, cioè una malattia con cui una persona può infettare un animale. È stato studiato che c’è una bassa probabilità di infettare gli animali con il comune virus dell’influenza, i batteri che causano l’angina, il micobatterio tubercolosi, il virus della parotite o il rotavirus. Tali situazioni si verificano estremamente raramente.

5. Il virus muore a temperature elevate: FALSO

Sono circolate molte notizie nei media sulla possibilità di una conclusione della pandemia di coronavirus in aprile a causa dell’aumento delle temperature. Purtroppo, l’effetto dell’aumento delle temperature su questo tipo di virus non è ancora stato studiato a fondo. Allo stesso tempo, i focolai in Spagna, Italia, Florida o anche in Arabia Saudita non sembrano sostenere questa tesi.

A causa della presunta sensibilità del virus all’aria calda, è stato inoltre comunicato che gli asciugamani ad aria calda aiutano a combattere il virus. Questo non è vero – il virus si elimina dalla superficie delle mani lavandole accuratamente con il sapone (il sapone scioglie l’involucro lipidico del virus) o disinfettandole con un agente a base di alcol. Gli asciugamani ad aria non uccidono il coronavirus. (fonte: https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/advice-for-public/myth-busters).

Per uccidere il virus sono necessarie temperature molto più elevate. In autoclave, grazie all’alta pressione, si può ottenere una temperatura del vapore intorno ai 130°C. La sterilizzazione avviene in una camera ermeticamente sigillata.

6. Si può prendere il coronavirus attraverso gli occhi: VERO

Nell’ambito della profilassi COVID-19, l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di lavarsi e disinfettarsi le mani frequentemente e di astenersi dal toccare il viso nei luoghi pubblici, soprattutto intorno al naso, alla bocca e agli occhi. È inoltre possibile contrarre il coronavirus attraverso i dotti lacrimali (fonte: https://www.specsavers.co.uk/coronavirus-staying-healthy). Ricordiamo che sia gli occhiali protettivi che gli occhiali da vista di uso quotidiano (che non sono una protezione classica, ma ci impediscono di toccare gli occhi con le mani) devono essere sterilizzati di tanto in tanto, in modo che non diventino l’habitat del virus. Per evitare che i germi rimangano in superficie, è meglio sterilizzare gli occhiali in autoclave.

La ricerca sul nuovo coronavirus è in corso – ogni giorno impariamo qualcosa di nuovo. È importante filtrare le informazioni confermate dalla ricerca, dalle voci che “circolano” sul web. Occupiamoci dell’igiene e atteniamoci alle raccomandazioni dell’OMS.


Come trovare online occhiali da vista e montature di tendenza

Tutti amano i cani e, a volte, quelli dei VIP diventano delle vere celebrità