Valeria Marini: i rimproveri di mamma Gianna Orrù

Gianna Orrù osserva apprensivamente le mosse della figlia Valeria Marini dentro alla casa del Grande Fratello Vip e non manda giù alcune cose…

chiudi

Caricamento Player...

Le mamme non smettono mai di preoccuparsi per i figli, nonostante l’età. Ne è la dimostrazione Gianna Orrù, madre di Valeria Marini, che ha seguito con apprensione le vicende della figlia all’interno della casa del Grande Fratello vip. Alla donna non sono andati giù i suoi comportamenti con l’ex calciatore e l’ex marito di Simona Ventura, Stefano Bettarini.  Pare che i due si stuzzichino da qualche giorno e sembrano anche avere trovato un certo feeling.

Si vocifera anche di un bacio, non gradito alla signora Gianna

Gianna non è affatto contenta, come ha dichiarato durante un’intervista al settimanale Chi:

Oddio mio, spero che il bacio sia servito al programma. Per il resto prego per mia figlia. Non voglio che Valeria si aggiunga nella lista di Bettarini. Prego per questo. Spero che mia figlia non faccia fesserie e si fermi. Lo spero sinceramente. Questa immagine non mi piace. Io non sono bacchettona, ma in questo accoppiamento denoto superficialità e stupidità”.

“Senza dubbio è la vincitrice. E poi me lo dicono tutti. Io sto facendo un trasloco e sono nel caos, ma anche quando vado a fare la spesa tifano per lei. Io vigliaccamente non vedo il day-time per paura, tempo che possa sbracare”, conclude.

Valeria Marini, intanto, ha litigato furiosamente con Elenoire Casalegno. “No, è questo lo scolapasta, tu devi imparare a stare in cucina” urla Elenoire alla showgirl sarda che chiede un po’ di gentilezza. Ognuna delle due donne brandisce uno scolapasta, sostenendo che il suo sia quello da usare.

La Marini, nervosissima alla fine rifiuta di mangiare: “Non mi siedo a tavola con una che mi offende.

Bosco cerca di farla ragionare: “Se lei urla tu non devi rispondere urlando”. Ma la Marini è lo stomaco vuoto, ed ancora più arrabbiata: “Peccato che voi però la pasta ve la siete mangiata, io no perché mi sono offesa”.