Valeria Marini contro tutti dopo il GF Vip, Dagospia segnala

Valeria Marini si sfoga: nonostante i suoi compagni di reality l’abbiano dipinta come spietata, ora lei lamenta di aver sofferto molto dentro alla Casa

chiudi

Caricamento Player...

«Nella Casa del Grande Fratello Vip ho sofferto molto. I miei compagni erano in larga parte dei cecchini che volevano spararmi addosso… Mi hanno offesa… Bettarini e la Casalegno hanno persino sostenuto che sono una donna sconnessa mentalmente… Signorini è una iena, mi ha detto cattiverie gratuite… Chi ha seguito il programma sa che qualcuno dovrebbe chiedermi scusa», ha detto Valeria Marini a Oggi.

Valeria contro tutti

La showgirl sarda in un’intervista rilasciata a Pierluigi Diaco per il settimanale Oggi ha anche aggiunto: «Spero di avere almeno un figlio. Magari non sarò più davanti alle telecamere… Mica posso fare la bella a vita».

Non a caso proprio oggi, il settimanale Chi, diretto proprio da Alfonso Signorini, all’interno della rubrica Chicche di Gossip, ha riportato un’indiscrezione:

“Valeria Marini ha scelto. Nelle sue ospitata e comparsate in tv non vuole più incrociare due persone: Stefano Bettarini ed Elenoire Casalegno. Se si fa il nome di questi-due ex coinquilini della casa del Grande fratello Vìp, Valeria non mette piede in studio”.

La Marini è stata accusata di razzismo per aver sostenuto che al Grande Fratello Vip avrebbero dovuto partecipare soltanto dei concorrenti italiani: “Non sono razzista, solo nazionalista. Credo che ci siano tante belle ragazze italiane che sarebbero potute entrare al posto suo. Mai stata razzista, lei ci ha giocato su questa cosa. Ti posso anche chiedere scusa“.

Alfonso Signorini in proposito ha dichiarato: “Ce l’hai con lei perché ha 30 anni di meno e 30 kg di meno“. Ma la Marini ha ribadito: “Amo le donne ma amo anche il mio paese. Detto questo spero che rimarremo amiche”.

E Elenoire Casalegno ha allora detto la sua in merito al discorso: “La Ciociara è per metà irlandese, io sono per metà belga, allora non avremmo dovuto partecipare nemmeno noi“.