Nel 2020 oltre un milione di consumatori usa la sigaretta elettronica considerandola un buon alleato per smettere di fumare. L’analisi e le percentuali nell’Osservatorio myblu realizzato da GFK

La sigaretta elettronica si fa strada giorno dopo giorno nella vita degli italiani. Tantissimi consumatori, infatti, stanno scegliendo la versione digitale rispetto alla quella tradizionale o in abbinamento ad essa per ridurre il consumo di sigarette con combustione.

L’Osservatorio di GFK per myblu, azienda leader nel campo dei dispositivi elettronici a sistema chiuso, ha fotografato la situazione italiana e interrogato i consumatori. Vediamo perché e in quanti hanno scelto la sigaretta elettronica.

La sigaretta elettronica: dal 2015 a oggi

Fumare sigaretta elettronica Myblu
Fumare sigaretta elettronica Myblu

Ad utilizzare questi dispositivi di nuova generazione, in Italia, sono più di un milione di consumatori, pari al 2,3% della popolazione adulta e all’11% del totale dei fumatori, con un trend che, dal 2015, risulta in costante crescita. In particolare, il 2020 si è rivelato un anno molto positivo per il settore, con un sostanziale aumento delle percentuali che, negli ultimi sei mesi, mostrano un preciso indirizzo da parte dei fumatori italiani, con il 35% che ha orientato le proprie scelte verso l’utilizzo delle sigarette elettroniche, come ad esempio myblu.

Sebbene il dato degli utilizzatori di questo tipo di dispositivi, emerso dall’Osservatorio myblu realizzato da GFK, sia ancora relativamente basso (11%), dall’indagine emerge comunque il fatto che il 24% del totale ha intenzione di provarela sigaretta elettronica entro il prossimo anno, mentre si registra un +7% (dal 27% al 34%) di italiani che si prefiggono l’obiettivo di smettere di fumare nei prossimi 12 mesi.

Infine, anche il numero degli “esclusivisti” fa ben sperare, con un +9% registrato da ottobre 2019 a marzo 2020. Ma di chi stiamo parlando? Si tratta di coloro che decidono di fumare solo con metodi innovativi, escludendo quindi l’utilizzo di prodotti a base di tabacco con o senza combustione.

Perché gli italiani scelgono la sigaretta elettronica

“Il profilo del fumatore adulto italiano oggi sta cambiando radicalmenteafferma Federico Mastrantonio, Head of Intelligence & Insights South East Europe di Imperial Brands. Stiamo assistendo ad un cambiamento culturale che ha portato il fumatore ad essere sempre più consapevole e disponibile a mettere in discussione abitudini radicate a fronte di un danno per la salute potenzialmente minore”.

Federico Mastrantonio, Head of Intelligence & Insights South East Europe di Imperial Brands
Federico Mastrantonio, Head of Intelligence & Insights South East Europe di Imperial Brands

Notiamo in particolare il forte incremento della percentuale di utilizzatori che dal fumo sono passati all’uso esclusivo di prodotti di nuova generazione, un dato incoraggiante per myblu che, con la propria diffusione capillare nelle tabaccherie italiane, con lo sviluppo delle vendite online, nonché con i forti investimenti a livello globale in ricerca, sviluppo e qualità, vede confermata la propria missione: offrire ai consumatori adulti qualcosa di migliore rispetto alle sigarette tradizionali” ha concluso Mastrantonio.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Pronta a partire? Non prima d’aver preparato bene l’auto, ecco come

Food Forest: il nuovo progetto eco-friendly a Milano