E’ possibile trasformare gli scarti agricoli in plastica? Secondo un gruppo di ricercatori di Losanna sì: lo studio è una svolta green.

Ottenere una bio plastica dagli scarti agricoli è possibile: è questo il risultato a cui sono arrivati alcuni studiosi di Losanna. Utilizzando rifiuti vegetali si rispetta l’ambiente e si ottengono un’infinità di prodotti tranquillamente paragonabili alla dannosa e inquinante Pet: il progetto potrebbe rappresentare una svolta green per l’intera popolazione mondiale.

Scarti agricoli trasformati in plastica: la svolta green

Un gruppo di studiosi della Scuola Politecnica Federale di Losanna (Epfl), con a capo Lorenz Manker, ha pubblicato una ricerca molto interessante sulla rivista Nature Chemistry. Lo studio li ha portati ad un risultato che potrebbe rappresentare una vera e propria svolta green per tutto il mondo: gli scarti agricoli possono essere trasformati in plastica. Sembra che il 25% dei rifiuti di origine vegetale possano tranquillamente diventare materiale simile al Pet, con la stessa resistenza e ad un prezzo basso.

Quello che rende unica questa bio-plastica è la presenza della struttura intatta degli zuccheri che si trovano nelle piante. Questo la rende incredibilmente facile da realizzare, perché non andiamo a modificare ciò che è già presente e anche semplice da degradare. Perché può essere scomposta in molecole largamente presenti in natura“, ha dichiarato Jeremy Luterbacher, uno degli studiosi, all’Ansa. Gli scarti agricoli, quindi, possono essere trasformati in plastica. La garanzia c’è: si ottiene una Pet ecosostenibile, resistente e poco costosa.

Una plastica rispettosa dell’ambiente e poco costosa

Gli studiosi di Losanna hanno utilizzato scarti agricoli provenienti dalle piante e sono stati in grado di dimostrare che la Pet biologica può essere utilizzata per creare qualsiasi cosa, packaging e apparecchi elettronici compresi. Tutto ciò è stato possibile aggiungendo sostanze organiche (aldeidi) che sono in grado di stabilizzare il legno e gli scarti agricoli. I ricercatori hanno sottolineato che con questa semplice tecnica si possono trasformare in plastica fino al 25% dei rifiuti vegetali.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 28-06-2022


Bonus 200 euro, circolare Inps: per alcuni lavoratori cambiano i tempi di erogazione

Come utilizzare Alexa per semplificarti la vita