Sanremo, la terza serata: vince l’effetto nostalgia e i cantanti in gara spariscono

Da Tozzi a Raf, da Venditti a Serena Rossi che canta Mia Martini: sguardo al passato che fa passare i Big di Sanremo in secondo piano.

Il pubblico di Sanremo che intona ‘Si può dare di più’ a cappella, dopo che sul palco la coppia Raf-Tozzi ha appena snocciolato successi del passato, da “Ti pretendo”, a ‘Gloria’ e ‘Battito Animale’. Solo una sintesi di quanto accaduto nella terza serata di Sanremo 2019, quella in cui la seconda metà dei cantanti in gara si è esibita ma anche quella in cui su quello stesso palco sono transitati alcuni dei cantanti che hanno scritto importanti pagine di musica in Italia. Effetto nostalgia riuscito, all’Ariston come a casa.

Sanremo 2019: Mia Martini non c’é ma è come se ci fosse

Il primo tra gli ospiti a calcare il palcoscenico è stato Antonello Venditti. Complice il quarantennale dall’uscita di ‘Sotto il segno dei pesci’, il cantautore romano al pianoforte ha regalato una canzone che mai aveva eseguito live in televisione.

UMBERTO TOZZI
UMBERTO TOZZI

Impossibile resistere alla tentazione, per Claudio Baglioni, di un duetto sulle note di ‘Notte prima degli esami’. Il momento più commovente della serata è stato però quello che intorno alla mezzanotte ha visto protagonista Serena Rossi. La conduttrice e attrice sarà Mia Martini nel film “Io sono Mia” in onda sulla Rai il 12 febbraio. L’interpretazione di “Almeno tu nell’universo” (anche qui, si inserisce Baglioni) è toccante, come lo sono le frasi dedicate alla compianta artista.

Sanremo 2019: Bisio e le gag non decollano

Tanta musica e quindi meno gag del solito (per fortuna, perché le prime due serate non sono state per nulla entusiasmanti da questo punto di vista).

Bisio prova a ripetere il momento-tweet della sera prima ma nemmeno stavolta riesce a brillare, meglio Virginia Raffaele nel momento amarcord in apertura, col grammofono a dare quel tocco vintage che non guasta mai. Specie in una serata così.

Imperdibile anche un altro momento, quello che ha visto protagonista Ornella Vanoni: autoironica come poche, smaschera anche la Rai. Ricorda e precisa di essere andata ‘aggratis’.

ultimo aggiornamento: 08-02-2019

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X