Cristiano Ronaldo getta la fascia da capitano dopo la partita Serbia-Portogallo ma questa viene messa all’asta per beneficenza.

A volte quello che all’apparenza può sembrare un finale da dimenticare può regalare invece un epilogo completamente diverso e migliore, proprio come è accaduto durante l’ultima partita fra le due squadre di calcio, Serbia e Portogallo. Qui abbiamo infatti visto un Cristiano Ronaldo piuttosto deluso e arrabbiato, dopo la partita del 27 marzo a Belgrado, e contro la nazionale serba. Il campione portoghese non ha digerito bene l’annullamento di un gol e subito dopo ha gettato a terra la sua fascia da capitano, questa è stata però prontamente raccolta e messa all’asta. Ecco a servirà il suo ricavato.

Fascia da capitano di Cristiano Ronaldo all’asta

A Cr7 viene annullato un gol ma non la prende bene. Il calciatore protesta e lascia sul campo da calcio la sua fascia da capitano che viene prontamente raccolta da un vigile che in quel momento sta prestando servizio allo stadio di Belgrado ed ecco che il finale della storia cambia improvvisamente.

Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo

Il vigile raccoglie sull’erba quello che potrebbe diventare per lui un vero cimelio da custodire gelosamente eppure l’uomo, piuttosto che tenerlo per sè, decide di donarlo in beneficenza all’organizzazione Together for Life che aiuta e sostiene i bambini affetti da patologie molto gravi.

Ronaldo, raccolti 64mila euro in beneficenza

Viene così venduta all’asta la fascia da capitano di Cristiano Ronaldo per il valore di 64mila euro e il denaro ricavato verrà utilizzato per le cure mediche riservate ad un bambino serbo di appena sei mesi, affetto da atrofia muscolare spinale e che necessita di cure specifiche anche all’estero.

A fare l’annuncio ufficiale è stato direttamente il fondatore dell’associazione, Jovan Simic pubblicando un post su Twitter dove ha ringraziato particolarmente il vigile del fuoco per aver raccolto e offerto all’organizzazione la fascia di Cr7.


Efficacia delle mascherine di stoffa: continua il dibattito, necessarie regole precise

T-shirt e gadget a tema vaccinazione: è subito boom di vendite