Al termine del funerale del loro parente, con tanto di bara vicina, zii e cugini hanno cominciato a litigare e a darsi pugni per l’eredità: intervenuta la polizia che ha calmato le acque.

Non è di certo stato bello ciò che è accaduto davanti alla chiesa Santa Maria Liberatrice a Testaccio (Roma). Un’intera famiglia si è messa a litigare per l’eredità con pugni e minacce, dopo aver assistito al funerale del loro defunto parente.

Come si sono svolti i fatti

A quanto pare due parti della famiglia del defunto ottantenne, hanno litigato per la casa lasciatogli dal parente. I due capofamiglia hanno cominciato a litigare per la proprietà dell’abitazione rivendicandone entrambi i diritti.

Cominciata con semplici frasi ad alta voce, i due parenti hanno cominciato a picchiarsi davanti alla bara del defunto ed è dovuta intervenire la polizia per fermarli. Una donna della famiglia si è anche sentita male ed è intervenuta anche l’ambulanza.

Come riporta TG Com 24, il sacrestano della chiesa dichiara: “Ho soccorso per primo la signora perché ha avuto un mancamento. Era agitata e spaventata. Ma il cancello l’ho richiuso subito perché la situazione al limite.” A intervenire sulla questione è anche il parroco che afferma dispiaciuto: “Sono episodi che non sono giustificabili. Era stato appena celebrato un funerale, sono molto mortificato. Tutto ciò con il Natale appena trascorso. Un’occasione per le famiglie di ritrovarsi e appianare i vecchi rancori”.

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 31-12-2021


Angela Kukawski, manager delle Kardashian, uccisa e torturata: sospettato il fidanzato

Joao Cancelo: aggredito e rapinato in casa sua, il calciatore sta bene