In occasione di un’intervista, le due ragazze che sono state aggredite e violentate in treno e in stazione a Verese hanno raccontato l’indifferenza dei passanti al loro grido d’aiuto.

Le due giovani che ieri sono state aggredite e violentato avrebbero combattuto e cercato aiuto ma nessun passante le ha aiutate. Queste le inquietanti dichiarazioni delle ragazze qualche ora dopo ciò che è successo. Tutto questo è avvenuto prima in un treno regionale Milano-Varese e poi una stazione.

Le dichiarazioni delle due ragazze aggredite e violentate in treno

La 21enne violentata sul treno Milano Varese ha dichiarato: “Ho provato ad avvicinarmi alla porta, ma quello mi stava sempre vicino. Credevo che avrei potuto attirare l’attenzione dei passanti e ricordavo che alla fermata precedente avevo visto il controllore”. Queste le parole della ragazze che nonostante cercasse di lottare, non è riuscita a scappare dai suoi violentatori Fusi Mantegazza (italiano di 21 anni) ed Elayar (marocchino irregolare di 27).

I due si sono poi spostati in una stazione ferroviaria di Vedano Olona per cercare un’altra vittima. La 20enne che è riuscita a scappare dichiara al Corriere: “Mi sono aggrappata alla porta nel tentativo di riuscire a fuggire, e ho cercato di aprirla, urlando. Sono riuscita ad aprire sufficientemente il battente della porta, quando abbiamo notato un uomo che stava arrivando verso la stazione. Il ragazzo, visto l’uomo, si è staccato e ho pensato di allontanarmi. A quell’uomo non è importato nulla di quello che accadeva, anche se urlavo. L’aggressore si è diretto verso l’amico, ho guadagnato l’esterno della stazione, ho chiamato il 112”.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 07-12-2021


Anziano ucciso con una motosega e un coltello a Milano: si ricerca l’assassino

Sei pitbull salvati dai combattimenti clandestini a Salerno: ora sono al sicuro