Il 13 agosto 2019 moriva Nadia Toffa, la conduttrice che era diventata un esempio di positività e di speranza nella lotta contro il cancro.

Sono trascorsi due anni dalla morte di Nadia Toffa, la celebre conduttrice e giornalista che aveva conquistato l’affetto degli italiani con la sua storia di speranza e positività difronte al cancro che l’aveva colpita due anni prima. In tanti tra fan, amici e colleghi non hanno dimenticato il suo messaggio e il 13 agosto, nel giorno dell’anniversario della sua scomparsa, anche la redazione de Le Iene ha voluto ricordarla con un tenero post. “Due anni senza te“, si legge nel messaggio condiviso dalla redazione del programma.

Nadia Toffa: il secondo anniversario della morte

In tanti si sono riversati sui social per ricordare e omaggiare Nadia Toffa nel secondo anniversario della sua scomparsa. La conduttrice era morta il 13 agosto a Brescia (sua città natale) appena due mesi dopo il suo 40esimo compleanno. Da oltre due anni combatteva contro un cancro e per molti aveva rappresentato un messaggio di inguaribile ottimismo anche difronte all’estrema difficoltà. “Non ho mai sospeso la vita per la malattia, per il cancro e nessuno dovrebbe farlo”, aveva scritto in un post via social la conduttrice annunciando l’uscita del suo primo libro, Fiorire D’Inverno, dedicato proprio alla sua lotta contro il cancro.

La madre

La mamma di Nadia Toffa, Margherita Rebuffoni, in questi due anni non ha mai smesso di promuovere il messaggio di positività lanciato da sua figlia e ha fondato un’associazione in suo onore. “È stato un anno molto difficile. Nadia mi manca molto, anche se la sento comunque sempre vicina a me”, aveva confessato all’Ansa la mamma della conduttrice nel primo anniversario della sua scomparsa, e ancora: “Ha avuto una forza pazzesca ed era lei che trasmetteva serenità e tranquillità a me”.

Fonte Foto: https://www.instagram.com/nadiatoffa/?hl=it


Che bufera per Chiara Ferragni! Una foto scatena l’ira sui social

Britney Spears, vittoria in tribunale: il padre rinuncia a essere suo tutore