Milo Coretti: finisce l’incubo per il vincitore del Grande Fratello

L’ex gieffino Milo Coretti, che ha partecipato all’edizione 2007 del Grande Fratello, è stato assolto dall’accusa di frode assicurativa

chiudi

Caricamento Player...

Milo Coretti ha rischiato grosso: l’ex gieffino che è stato vincitore del Grande Fratello edizione 2007, è stato processato per una presunta frode assicurativa.  Secondo quanto riporta Fanpage pare che la vicenda risalga al 2009 quando il Milo denunciò il furto della sua auto all’assicurazione e il successivo risarcimento: il caso finì in tribunale perchè sembrava che l’ex gieffino avesse consegnato una falsa documentazione. In questi giorni il tribunale gli ha dato ragione infatti il giudice che ha esaminato il caso, dove gli veniva contestata una frode di 21.600 euro, ha dichiarato che “il fatto non sussiste”.

Milo Coretti è stato dunque assolto con formula piena

L’ex gieffino ha così divulgato il dispositivo che ha preceduto la sentenza:

“L’imputato ha offerto una versione alternativa lecita intimamente credibile oltre che documentalmente dimostrata (che si porrebbe alla base di una pronuncia assolutoria per carenza dell’elemento soggettivo). Dall’appena riferita insussumibilità della condotta contestata sub articolo 642 C.p. deriva, una formula assolutoria certamente più favorevole e maggiormente coerente con quanto fin qui ricostruito, afferente alla insussistenza, in radice, del fatto. Per questo l’imputato va prosciolto dal reato a lui contestato come da dispositivo.”

La fattura presa in causa, secondo l’accusa, sarebbe stata datata 2008 e pareva riportasse un valore di acquisto di 65mila euro, invece che di 46mila euro.

Su Leggo.it si legge però che “si sarebbe consumato il tentativo di truffa, fallito per cause indipendenti dalla volontà dell’ex concorrente del GF7.”

Quando Milo venne chiamato a testimoniare in aula si difese dall’accusa con queste parole:

“In quel periodo facevo l’attore e per ogni cosa che facevo veniva chiesto il mio casellario. Mica mi rovino per 18 mila euro, non sono stupido. Quella fattura non l’ho mai vista, di queste cose se ne occupava un legale in contatto diretto con l’assicurazione.”