Micol Olivieri, adesso basta davvero

Micol Olivieri, l’attrice che ha vestito i panni di Alice nella serie tv “I Cesaroni”, ha deciso di non condividere più i momenti della propria vita sui social, complici le tante critiche ricevute nel corso degli ultimi anni

chiudi

Caricamento Player...

I social, nonostante siano visti da tutti come un mezzo eccezionali di comunicazione in grado di innalzare la propria figura, spesso possono anche sporcare la propria immagine, causando di qualche semplice polemica. E’ proprio questo il caso di Micol Olivieri, da tempo presa di mira per alcuni avvenimenti passati nonostante il successo riscontrato grazie alla serie tv “I Cesaroni“, interpretando il ruolo della giovane Alice.

O tutto o niente

Micol Olivieri, stanca, anzi stanchissime delle tante critiche ricevute, ha deciso di prendere una decisione drastica: per un po’ di tempo, infatti, non pubblicherà più foto della propria vita privata sui social, a testimonianza della troppa pressione su di lei in questo periodo. Ecco il suo pensiero a riguardo: “Da qualche tempo non ho più molta voglia di condividere le mie cose personali. È per questo che temporaneamente non pubblicherò più foto con Arya, perché credo di avervi regalato troppo della mia vita e non sono più in grado di incassare le continue critiche. Buona serata. Micol“.

Sempre e solo Arya

Il fulcro delle critiche ricevute da Micol Olivieri riguarda, principalmente, la figlia Arya, avuta dal compagno Christian Massella in giovane età. Forse troppo presto: i suoi fans, infatti, le hanno proprio criticato le tempistiche, ricevendo questa risposta: “Non esiste un’età giusta per fare un figlio. Una donna deve sentirlo. Non credevo che tante persone sarebbero rimaste scandalizzate dalla mia gravidanza e invece, quando mi si chiede quanti anni ho, tutti si preoccupano di sapere se non abbia affrontato questo passo essendo troppo giovane. In realtà, penso alle nostre mamme o nonne: loro diventavano mamme anche a 18 anni ed erano felici. Non c’è un’età precisa per sognare un bambino. Forse, se avessi deciso di diventare mamma dopo, sarebbe finita col mio ragazzo. Sono una persona istintiva, faccio quello che sento e in questo momento, sento di desiderare una famiglia mia. È vero, sono nel pieno della mia carriera ma è una fortuna. In Italia, le giovani coppie non sono tutelate e spesso non fanno figli perché non potrebbero permettersi di crescerli. Io posso e ho deciso di assumermene la responsabilità“.