Messina Denaro chiede allo Stato le migliori cure per il tumore: “sono informato sulle cure, vi prego di poter essere trattato con farmaci e terapie migliori”

Matteo Messina Denaro, che dal 16 gennaio 2023 è detenuto sotto il regime del 41 bis, è gravemente malato di cancro al colon e ha chiesto le cure migliori. Secondo quanto riportato da Fanpage.it, ha chiesto ai medici del carcere di massima sicurezza de L’Aquila di essere trattato con i migliori farmaci e terapie, spiegando di essere informato sulla malattia poiché ha letto molto sull’argomento nonostante non abbia ricevuto un’educazione culturale.

Matteo Messina Denaro
Matteo Messina Denaro

Il boss di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro avrebbe ripetuto diverse volte, con toni pacati e cordiali, la sua richiesta di essere trattato con i migliori farmaci e terapie poiché, nonostante non abbia ricevuto un’educazione culturale, è informato sulla malattia perché ha letto molteplici libri sull’argomento.

Matteo Messina Denaro: cure

L’equipe medica guidata dal professor Luciano Mutti, primario oncologo dell’ospedale di L’Aquila, sta prendendosi cura del boss e gli ha assicurato che stanno seguendo procedure all’avanguardia, conformi ai protocolli internazionali.

Secondo quanto riportato da Fanpage.it, accanto alla cella dove Messina Denaro è detenuto, è stato allestito un ambulatorio appositamente per le sue cure. Il boss si è recentemente sottoposto a una seduta di chemioterapia, che gli ha causato solo problemi gastrointestinali, ed è prevista un’altra seduta nelle prossime settimane.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 27-01-2023


Antonino sulla storia con Belén: “Immaginavo la famiglia perfetta, ma…”

Ezio Greggio e quello scherzo a Iacchetti: “Non credeva che…”