Matrimonio a prima vista, Wilma e Stefano: divorzio negato

Matrimonio a prima vista… che non può finire! La storia di Wilma e Stefano

Dopo essersi sposati nel reality di Sky Matrimonio a prima vista, Wilma e Stefano non possono divorziare, in base ad una decisione del Tribunale di Pavia.

La notizia ha sconvolto tutti, non solo perché il reality show di Sky, Matrimonio a prima vista, era già borderline per il format, ma anche perché la coppia vorrebbe divorziare e la legge italiana glielo impedisce. La storia di Wilma e Stefano – cantante di Abbiategrasso e gelatiere di Alessandria – ha fatto in breve tempo il giro del web e ha lasciato increduli tutti i lettori.

Il matrimonio di Wilma e Stefano

Wilma e Stefano sono due ex concorrenti del programma televisivo Matrimonio a prima vista edizione Italia, andato in onda a partire dal 2016. Proprio nella prima edizione, una delle coppie protagoniste erano loro, una cantante e un gelataio, che si sono incontrati per la prima volta il giorno del loro matrimonio.

Nonostante l’emozione del grande giorno e il tentativo da parte della coppia di iniziare una vita insieme, sembrerebbe che le affinità non fossero abbastanza radicate: dopo appena sei mesi, infatti, Wilma e Stefano hanno deciso di separarsi definitivamente, non sapendo quello a cui sarebbero andati incontro.

Il divorzio (negato) dopo Matrimonio a prima vista

A differenza di quanto sia stato rivelato inizialmente sul web, il programma prevede che dopo sei mesi dalle nozze la coppia possa separarsi liberamente, con tutte le spese legali a carico della produzione.

Il problema, nel caso di Wilma e Stefano, però, è stato un altro: quando è stata intrapresa la pratica di separazione, il comune di Abbiategrasso – in cui è residente Wilma – ha commesso un errore nella trascrizione della data e del luogo delle nozze che, di conseguenza, ha reso impossibile continuare l’iter burocratico.

Matrimonio
Matrimonio

Per sorpassare il problema in maniera più veloce, allora, la coppia ha deciso di richiedere l’annullamento del matrimonio dichiarando che si sarebbero sposati solo per non pagare la penale prevista dal reality. A questo punto è intervenuto il Tribunale di Pavia che ha respinto la richiesta di annullamento in quanto non sono state riscontrate irregolarità nella trascrizione dei dati.

I due, infatti, erano consapevoli della scelta fatta e, soprattutto, del contratto firmato che al suo interno conteneva inevitabilmente delle penali.

ultimo aggiornamento: 15-08-2019

X