Dopo una lussuosa festa di benvenuto per gli ospiti Marco Verratti sposerà la fidanzata Jessica Aidi nella romantica cornice di Parigi.

A poche ore dal matrimonio di Federico Bernardeschi a Carrara, anche un altro campione della Nazionale è pronto a convolare a nozze: il 15 luglio a Parigi Marco Verratti dirà “sì” alla fidanzata Jessica Aidi. I due hanno accolto i loro ospiti la sera precedente al prestigioso Hotel de Crillon, mentre la cerimonia si terrà nella suggestiva tenuta la Marie di Neuilly, a Nord della capitale francese. Ovviamente tra gli ospiti presenti all’evento vi sono anche alcuni volti famosi del mondo del calcio, come Lorenzo Insigne e Ciro Immobile.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Marco Verratti
Marco Verratti

Marco Verratti sposa Jessica Aidi

Dopo una proposta da sogno in Marocco, Marco Verratti convola a nozze con la splendida modella francese Jessica Aidi. Alle nozze – che si terranno nella splendida cornice di Parigi – saranno presenti molti ospiti vip e ovviamente i due figli che Verratti ha avuto insieme alla sua ex moglie, Laura Zazzara. Lui e l’ex moglie si sono lasciati nel 2019 ma avrebbero mantenuto buoni rapporti proprio per il bene dei loro due bambini, Tommaso e Andrea. Alla cerimonia oltre a Lorenzo Insigne e Ciro Immobile sarebbero presenti Lavezzi, Javier Pastore e altri amici vicini al calciatore.

Poche ore prima delle nozze di Marco Verratti si è svolto il matrimonio di Federico Bernardeschi, che ha sposato l’ex volto del GF Veronica Ciardi a Carrara.

Jessica Aidi: chi è la modella

Classe 1992 (esattamente come Verratti) Jessica Aidi è una modella originaria di Montpellier. Secondo indiscrezioni lei e il centrocampista si sarebbero conosciuti per caso in un locale dove lei lavorava come cameriera. Tra i due il colpo di fulmine sarebbe stato immediato e all’inizio del 2021, durante un romantico viaggio in Marocco, lui si sarebbe deciso a chiederle di sposarlo.


Fedez sbotta dopo l’ennesima raccomandata del Codacons: “Non ne posso più”

Clio Zammatteo in lacrime: “Era il mio bambino prima che…”