È giallo a Pavia: Luigi Criscuolo, l’uomo di 60 anni scomparso lunedì, di cui è stata ritrovata l’auto con un vetro rotto.

Da lunedì mattina, 8 novembre, non si hanno più notizie di Luigi Criscuolo, uomo di 60 anni residente a Pavia, la cui scomparsa è stata subito denunciata alle autorità dalla famiglia.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Conosciuto anche come “Gigi Bici”, per via del negozio di biciclette che gestisce, il signor Criscuolo è scomparso misteriosamente, dopo aver salutato la compagna e la figlia, affermando che sarebbe tornato sul tardi.

Luigi si muove con l’ausilio delle stampelle a causa di un intervento e, a quanto pare dalle ricostruzioni, l’uomo si sarebbe messo alla guida della sua auto poco prima delle 9.00. Dopo essere stato avvistato fermo ad un semaforo intorno alle 9.30, il sessantenne avrebbe fatto un’improvvisa inversione di marcia sparendo nel nulla.

Ritrovata l’auto dell’uomo scomparso

Per tutto il resto della giornata la famiglia non ha avuto più sue notizie, fino a quando martedì sera, quando è stata ritrovata la macchina in un boschetto.

Nel veicolo sono state trovate tracce di sangue, una stampella e le chiavi attaccate, ma di Luigi Criscuolo nessuna traccia. Dove sarà andato a finire? Al momento sono aperte le indagini, ma non ci sono ancora novità in merito.

Intanto sua figlia, Katia, è apparsa più volte in diverse trasmissioni televisive, tra cui La Vita in Diretta, per lanciare un appello a tutti, speranzosa di ritrovare il padre: “Non riesco a capire cosa sia successo, come mai ci sia una sola stampella in macchina e il vetro rotto… Mio papà non ce la faceva a camminare, aveva subito un intervento i primi di ottobre. Faccio un appello per mio papà, lo sto cercando, se qualcuno sa qualcosa, se lui è nascosto o non si vuole far trovare, faccia almeno una chiamata perché io non vivo più”

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 12-11-2021

Ritrovata Nicole Gradi: la 19enne era a Roma Termini

Svolta sul caso Nada Cella: tracce di sangue sul motorino dell’indagata