Non c’è spazio per l’ironia nel monologo di Luciana Littizzetto a Che Tempo Che Fa, una lettera ai soldati russi che commuove e fa riflettere.

Ieri, durante la consueta puntata domenicale di Che Tempo Che Fa, Luciana Littizzetto non ha fatto il suo solito monologo ironico e divertente ma ha scritto una lettera.

Una lettera particolare, dedicata al conflitto tra Ucraina e Russia ma, soprattutto, a quei giovani soldati russi mandati a combattere. La maggior parte dei militari russi, come testimoniato da molte storie che diffuse nelle ultime settimana, è composta da giovanissimi ragazzi che d’improvviso si sono ritrovati sul campo di battaglia.

È a loro che Luciana Littizzetto pensa e a cui dice: “Caro Dimitri, caro Ivan, caro Oleg, caro Pavel, caro Yuri. E ci metto dentro anche un. Caro Vladimir, perché in tutta la Russia ci sarà anche un Vladimir normale. Caro Misha, ti scrivo dall’Italia. Paese che conoscerai per il calcolo, la pizza e il programma dove ci prendete per il cu*o ogni capodanno. Io non ti conosco, ma mi basta guardare la tua barbetta rada e la divisa troppo grande che in te rivedo mio figlio e tutti i nostri figli. Caro Boris, so che hai paura e ti senti perduto, ma sappi che tu non hai colpa. Hai 20 anni, ti hanno messo un fucile in mano e ti hanno mandato in un posto che non sai manco dov’è.”

Continua poi: “Sei diventato una pedina di una partita a scacchi a cui nemmeno pensavi di giocare. Ti abbiamo fregato. Noi adulti lo facciamo spesso e ora lo stiamo facendo con la guerra, che è il modo più infame. Per questo ho compassione di te. Perché alla tua età, a 20 anni, caro Vanja, dovresti essere in giro con l’Erasmus, a stapparti ala birra con l’accendino e a limonare sulla Rabbia. Dovresti sederti con tutte le scarpe sporche sugli schienali delle panchine per farti mandare a stendere da quelle come me. Dovresti essere impegnato con altri cannoni, più piccoli e con la cartina lunga.”

Una lettera che stende, fa riflettere, commuove al pensiero di tutti quei ragazzi che si trovano in Ucraina a combattere, senza magari neanche crederci in questa guerra.

La Littizzetto poi conclude: “

“Caro Ivan voglio credere che tutto questo male finirà e ti renderà un uomo migliore. Migliore di noi, ci va anche poco. E soprattutto ti auguro di avere un futuro. Ma un futuro vero, dove nessuno ti chiamerà mai più soldato, ma solo Dimitri, Aliosha e Victor. P.s. C’è un proverbio russo che esalta l’eroismo e dice: è meglio morire per la zampata di un leone che per il morso di un gatto. Non farti riempire la testa con questa retorica del caz*o e ricordati che c’è una terza via: non morire e starsene sul divano col gatto”

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 07-03-2022


Amanda Lear non ci sta più: “Basta bugie…”

Angelina Jolie: “Tutti meritano la stessa compassione”