Il numero di sintomi legati al Long Covid sono in aumento. Ecco quali sono gli ultimi, scoperti da poco.

Come molti ormai sapranno, il Long Covid è un problema sempre più diffuso e difficile da gestire.
Ogni giorno, sono presi in causa possibili nuovi sintomi che sempre più persone accusano di avere e che a volte rientrano tra quelli ormai riconosciuti mentre in altri casi fanno parte dei così detti sintomi non ufficiali.
Tra i più recenti, sono state individuate due nuove possibilità ovvero la perdita di capelli e la difficoltà nell’eiaculazione.

Long Covid: nuovi possibili sintomi al vaglio

Un recente studio, condotto su 2,4 milioni di cartelle cliniche legate a pazienti che hanno contratto il Covid, hanno dimostrato la possibile comparsa di nuovi sintomi che potrebbero rientrare tra quelli del Long Covid, ovvero i sintomi che si presentano nel lungo periodo e che fanno fatica a svanire anche a distanza di mesi.

long covid
long covid

Tra questi, i più recenti sono la perdita dei capelli, il calo della libido e la difficoltà nell’eiaculare.
Al momento la lista ufficiale dei sintomi legati a questa malattia contengono 33 sintomi considerati ufficiali. Ben presto, però, le cose potrebbero cambiare portando tale lista ad espandersi e ad includere anche alcuni dei tanti sintomi nuovi che stanno pian piano comparendo e che sembrano sempre più legati al problema.

Come colpisce il Long Covid

Riguardo il Long Covid ci sono diversi studi in atto. E al momento, quel che è emerso è che questa sindrome colpisce dal 5 al 20% delle persone che hanno contratto il Covid.
Sempre per via degli stessi studi, sembra però che i sintomi che la riguardano siano ben più di quelli riconosciuti dall’OMS. E potrebbero essere addirittura il doppio. Inoltre, sembra che i sintomi siano destinati a durare per più di 12 settimane dalla fine della malattia.

Detto ciò, per quanto riguarda la carenza di libido, la difficoltà di eiaculazione (che in alcuni casi potrebbe essere dolorosa) e la perdita di capelli, oltre a non essere stati ancora riconosciuti, sono ancora da collegare direttamente al Long Covid. Al momento non si conoscono infatti i motivi e i meccanismi che portano alla manifestazione di questi sintomi.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 26-07-2022


Amazon Prime, aumentano i prezzi in Italia: ecco quanto costa il nuovo abbonamento

Mostra del Cinema di Venezia 2022, biglietti: da agosto sarà possibile acquistarli