Lo spot di lingerie Playboy censurato

In Australia è stato ritenuto un filmato “porno soft”.