Jacopo Compagnoni è morto a seguito di una forte valanga in Valfurva, dopo essere stato trasportato in ospedale. Insieme a lui c’era anche un secondo alpinista.

Una tragedia ha colpito la famiglia Compagnoni: Jacopo, guida alpina e fratello dell’ex olimpionica Deborah, è morto dopo essere stato travolto da una valanga in Valfurva, canale nord, zona Sobretta a circa 2.850 metri di quota. Con lui c’era anche un altro amico alpinista, al momento sotto shock.

Jacopo Compagnoni aveva 40 anni nel primo pomeriggio di oggi stava scendendo con gli sci d’alpinismo dal canale Nord del Monte Sobretta, quando una valanga ha travolto lui e il suo amico. La valanga aveva un fronte di un centinaio di metri. L’altro uomo è rimasto illeso e ha prestato i primi soccorsi, chiamando subito il 112. La centrale ha inviato sul posto l’elisoccorso di Sondrio di Areu e ha allertato le squadre della Stazione di Valfurva della VII delegazione Valtellina – Valchiavenna del Cnsas e il Sagf.

Sul posto anche una Unità cinofila da valanga. Compagnoni è stato trasportato con l’elisoccorso in codice rosso all’ospedale di Sondalo, dove è morto per i traumi subiti. Jacopo era il minore di tre fratelli, Yuri e Deborah, ex campionessa olimpica di sci alpino.

Al momento sembra che non ci siano state altre vittime dovute alla valanga, che probabilmente è scesa lontano dalle piste da sci molto frequentate in questo periodo.

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 16-12-2021


Caso Ruby: concesso il differimento della pena a Emilio Fede

Lecce, scompare una 17enne: non è più tornata a casa