Gli Stati membri dell’Ue hanno, per la prima volta, autorizzato la commercializzazione come alimento di un insetto: le tarme della farina.

Nuovi alimenti in arrivo sulle nostre tavole ma questa volta si tratta di insetti. Avete capito bene perché l’Unione Europea ha, per la prima volta, autorizzato la commercializzazione come alimento di un insetto. Nello specifico quella relativa al tenebrione mugnaio, noto anche come la tarma della farina. L’Ok è arrivato anche dagli Stati membri in seguito alla valutazione effettuata dell’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare.

Insetti come alimento: quali sono i primi approvati

Gli Stati membri dell’Ue lo hanno definito “il nuovo alimento” e ne hanno autorizzato la commercializzazione, stiamo parlando delle larve gialle essiccate del tenebrione mugnaio e più comunemente note come le tarme della farina. Si tratta del primo ok arrivato dall’Ue a un insetto come alimento, dopo la valutazione scientifica da parte dell‘Efsa.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Supermercato
Supermercato

L’alimento potrebbe essere in commercio molto presto sia come insetto essiccato intero ma anche sotto forma di uno snack o anche come farina e persino negli hamburger, dato che la materia prima di consumo da oggi risulta iscritta nel registro dei nuovi alimenti. Gli insetti sono altamente proteici nonché un’ottima fonte di grassi e fibre inoltre, il loro allevamento, fa parte della strategia europea Farm to fork che si basa proprio su un sistema alimentare più sano e sostenibile.

Insetti a tavola e il fattore disgusto

Ma se da una parte il cibo rappresenta per molti l’innovazione, una buona fetta di persone è ancora legata al fattore tradizione che poco sembra apprezzare la notizia di un insetto riconosciuti come un nuovi alimento.

Lo stesso chef, Alessandro Circiello (portavoce Federcuochi e presidente della Federazione Italiana Cuochi Regione Lazio) ha così commentato la notizia: “Insetti? No grazie, abbiamo i migliori prodotti del mondo“.


Perché alcune persone sono immuni al Covid? Le ipotesi degli scienziati

La regina Elisabetta lancia il suo nuovo brand di birre in omaggio a Filippo