L’ex calciatore racconta la sua visione della morte, la malattia del cancro e la paura di spegnersi non sapendo cosa si nasconde oltre la vita.

In occasione del documentario su Netflix che racconta la sua vita, Gianluca Vialli parla del cancro che l’ha colpito e della paura di morire. L’ex calciatore si racconta a cuore aperto a Oggi, senza paure e inganni con la paura di ciò che succederà quando “la luce si spegnerà” per lui.

Le dichiarazioni di Gianluca Vialli

Come riporta Caffeina, Gianluca Vialli racconta della sua visione e percezione della morte: “Io ho paura di morire, eh. Non so quando si spegnerà la luce che cosa ci sarà dall’altra parte. Ma in un certo senso sono anche eccitato dal poterlo scoprire. Però – continua Gianluca Vialli – mi rendo anche conto che il concetto della morte serve per capire e apprezzare la vita. L’ansia di non poter portare a termine tutte le cose che voglio fare, il fatto di essere super eccitato da tutti i progetti che ho, è una cosa per cui mi sento molto fortunato”.

Sulla malattia l’ex calciatore dichiara: “La malattia non è esclusivamente sofferenza: ci sono momenti bellissimi. La vita – e non l’ho detto io ma lo condivido in pieno – è fatta per il 20 per cento da quello che ti succede ma per l’80 per cento dal modo in cui tu reagisci a quello che accade. E la malattia ti può insegnare molto di come sei fatto, essere anche un’opportunità. Non dico al punto di essere grato nei confronti del cancro, eh”.

Chiara Ferragni si schiera, guarda il video:

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 10-03-2022


Kekko dei Modà non si presenterà alla finale del GF Vip per Davide: ecco perchè

Autore del Grande Fratello critica l’attuale edizione: “Simile a una soap opera”