La donna è stata ritrovata senza vita in un parco: l’uomo, che ha confessato, era già stato denunciato per stalking.

Il corpo di Juana Loayza è stato ritrovato nel parco dell’ex polveriera nella città emiliana nella notte tra il 19 e il 20 novembre: la chiamata proviene da un residente del quartiere, che ha immediatamente contattato il 112. La donna, di 34 anni e di origini peruviane, è stata ferita mortalmente con un coltello.

Subito i Carabinieri hanno individuato il colpevole: si tratta dell’ex compagno Mirko Genco, rappresentante porta a porta. L’uomo, dopo essere stato prelevato e portato in caserma ha confessato l’omicidio. Il suo delitto è simbolo dell’ennesimo fallimento del sistema giuridico italiano: il 24enne era stato già denunciato e processato a settembre per stalking ai danni della vittima, ma già il 4 novembre era a piede libero dopo aver patteggiato.

Stando alle ricostruzioni, l’assassino è giunto da Parma venerdì sera e dopo aver intercettato Juana nel centro storico di Reggio Emilia, l’avrebbe seguita durante il tragitto di ritorno verso casa. Giunto al parco vicino via Patti, si è scagliato contro di lei accoltellandola. Il coltello è stato ritrovato nelle vicinanze e immediatamente sequestrato. La donna lascia un figlio di anno e mezzo, nato da un’altra relazione.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 21-11-2021


Palazzina crollata nel Casertano: perdono la vita moglie e marito dopo l’esplosione

Caso Reggio Emilia: la madre dell’omicida è morta per femminicidio