Emily Ratajkowski difende Melania Trump dai disgustosi attacchi sessisti

Emily Ratajkovski è scesa in prima linea in difesa di Melania Trump, attaccata con insulti sessisti da un giornalista del New York Times

chiudi

Caricamento Player...

Melania Trump è forse la persona più bersagliata del periodo. Tra un’accusa e l’altra (dovute solamente al fatto di essere la moglie del neo-eletto presidente USA) è certamente molto raro per lei trovare un sostegno. Ma questo non vale per Emily Ratajkovski.

La modella e attrice ha reso pubblica una conversazione avuta durante una festa con un giornalista del New York Times. Secondo quanto riportato su Twitter, quest’ultimo avrebbe insultato Melania in modo decisamente sessista, definendola una “poco di buono”. E lei è corsa e denunciare l’accaduto definendolo sessista e disgustoso.

Emily non è certo una supporter del marito di Melania: in passato si è schierata a favore di Bernie Sanders indossando una maglia con il suo nome e di recente ha protestato contro il ban degli immigranti di Trump. Ma la 25enne sa senza dubbio che quando si offende ingiustamente una persona in modo vergognoso, bisogna uscire allo scoperto in suo favore.

La reazione di Melania

La first lady Melania Trump (ex modella anche lei), dal canto suo, ha ringraziato con un tweet la Ratajkowski:

“Un applauso a tutte le donne che al mondo difendono, combattono e supportano le altre donne”.

Il New York Times, che non è esattamente l’ultimo giornaletto di provincia, è stato costretto a chiedere scusa pubblicamente alla First Lady. Dopo che il web era insorto contro i presunti attacchi sessisti, non poteva fare altrimenti.

“Il reporter non copre Washington, né la politica. Le sue dichiarazioni dovevano restare private. Tuttavia quelle parole sono totalmente inappropriate, recita in una sorta di lettera aperta.