Un gruppo di dipendenti Disney sta organizzando scioperi lunghi una settimana, contro la legge della Florida che vieta di affrontare argomenti inerenti alla comunità LGBQT+.

Un gruppo di dipendenti e alleati LGBTQ+ della Disney Company ha organizzato una serie di scioperi a partire da martedì, per protestare contro le risposte del CEO Bob Chapek e dell’azienda al controverso disegno di legge “Don’t Say Gay” della Florida.

Sul sito web WhereIsChapek.com , il gruppo Disney Do Better ha elencato sei richieste della Walt Disney Company, incluso il blocco a tempo indeterminato di tutte le donazioni politiche ai leader che hanno sostenuto il disegno di legge “Don’t Say Gay”, le donazioni al Trevor Project e ad altri gruppi di difesa , allocando la spesa per i contenuti per espandere la rappresentazione LGBTQ+ e avviare un marchio LGBTQ+.

Lunedì 14 marzo l’account Twitter chiamato Disney Walkout ha pubblicato un messaggio in cui spiega che “I lavoratori LGBTQA+ e i loro alleati della Walt Disney Company saranno solidali insieme nelle prossime settimane”

Nella lettera aperta al gruppo si legge: “Sostenendo i politici che hanno presentato questa legislazione e non prendendo posizione pubblica contro di essa, Chapek e la dirigenza hanno chiarito che sono più che disposti a sacrificare la salute e il benessere dei propri dipendenti al servizio dei profitti . Non lo sosterremo più”

La Disney è stata presa di mira per non aver preso posizione contro la legge della Florida, che limita il modo in cui l’identità di genere e l’orientamento sessuale possono essere discussi nelle scuole e vieta completamente le materie fino alla terza elementare.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 16-03-2022


La giornalista Marina Oysyannikova contro la guerra: la sua situazione

Petizione contro l’amante di Putin: “Riunite Eva Braun al suo Hitler”