Dipendenza da smartphone: i più colpiti non sono i ragazzi ma…

Pensate che i giovani d’oggi abbiano una dipendenza da smartphone? Forse le cose non stanno proprio così… ecco chi non riesce a staccarsi dal cellulare.

I giovani d’oggi sono spesso accusati dagli adulti di essere sempre attaccati allo schermo del proprio smartphone, eppure, per quanto possa essere vero, pare che non siano i soli ad avere una dipendenza.

Secondo una recente ricerca della Digital Awareness UK e della Headmasters and Headmistresses Conference, riportata su Vanityfair.it, anche i genitori dei ragazzi nativi digitali non riescono a staccarsi dal loro smartphone.

Dipendenza da smartphone: i più colpiti sono i genitori

Dalla ricerca è emerso che il 36% degli intervistati (2000 ragazzi e ragazze di età compresa tra gli 11 e i 18 anni) ha chiesto ai genitori di darci un taglio con l’uso del cellulare. Il 14% ha aggiunto che la madre e il padre continuano ad utilizzare lo smartphone nonostante i rimproveri dei figli, anche durante i pasti. Tuttavia, 95% dei genitori intervistati lo ha negato. Un tipico segno di dipendenza.

dipendenza da smartphone

I figli sembrano essere molto più responsabili dei genitori, tanto che ben l’82% di loro ha detto che i cellulari dovrebbero essere posati durante il pranzo e la cena e il 22% sostiene che l’uso dei smartphone a tavola abbia impedito alle famiglie di trascorrere del tempo insieme. Purtroppo, però, di tutto ciò è consapevole solo il 10% dei genitori.

Come mai sono proprio gli adulti ad aver sviluppato questa dipendenza? Come ha spiegato a Vanity Fair Giordano Pierlorenzi, direttore dell’Istituto Europeo di Psicologia e di Ergonomia (IPSE) di Ancona: “La generazione dei genitori dei nativi digitali ha incontrato qualche difficoltà a inserirsi nel mondo digitale, a spostare l’attenzione dal foglio di carta allo schermo. E, quando ne ha preso dimestichezza, è passata dall’uso all’abuso, a una specie di sbornia”.

Inoltre, spesso gli adulti cercano di conoscere meglio il mondo degli adolescenti usando i loro stessi strumenti e in alcuni casi cercano addirittura di competere con loro.