Da novembre 2020 le dimissioni volontarie potranno essere presentate solo tramite Spid. Ecco come fare per darle.

Quando decidiamo di abbandonare il nostro posto di lavoro dobbiamo procedere alla comunicazione telematica del nostro licenziamento. Dal 2016, infatti, non basterà più presentare una lettera di dimissioni al proprio datore di lavoro, ma anzi si dovrà procedere con le dimissioni online.

Dimissioni online: come fare

Prima di tutto va detto che dal 15 novembre 2020 i servizi telematici del Ministero del lavoro sono accessibili solo tramite SPID. Una volta che sarete in possesso della vostra identità digitale potrete procedere alle dimissioni volontarie.

Per dare le dimissioni, inoltre, dovrete collegarvi o al portale cliclavoro.gov.it oppure a servizi.lavoro.gov.it.

Questa procedura, inoltre, non è obbligatoria per baby sitter, colf e badanti e neanche per i dipendenti della pubblica amministrazione. Prima di procedere alle dimissioni volontarie online, inoltre, è opportuno controllare il periodo di preavviso che bisognerà dare al proprio datore di lavoro.

Se avete un contratto a tempo determinato, e non volete aspettare la data di scadenza, allora dovrete procedere alle dimissioni per giusta causa.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Schermo del pc
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/apple-mac-computer-desktop-monitor-691282/

Come dare le dimissioni: la procedura da seguire

Una volta che avete deciso di voler lasciare il vostro posto di lavoro, dovrete presentare le vostre dimissioni in modo telematico. La procedura, nel caso in cui non vi vogliate rivolgere a un Caf, è molto semplice.

Dopo essere entrati sul sito del Ministero del Lavoro dovrete cliccare su “Entra” e su “Inserisci nuova dimissione”. Ricordate che dovrete inserire tutti i dati anagrafici del richiedente in modo corretto. Indicare, a questo punto, la data di decorrenza delle dimissioni, calcolando anche il periodo di preavviso. Bisognerà indicare anche le motivazioni delle proprie dimissioni che possono essere: volontarie, per giusta causa o per risoluzione consensuale.

Una volta terminato il tutto potrete cliccare sul tasto salva e a questo punto le vostre dimissioni saranno inviate anche alla pec del vostro datore di lavoro. Dovrete, infine, stampare le vostre dimissioni ed entro 7 giorni le potrete revocare.


Conto corrente in rosso? Le nuove regole in vigore per il 2021

Pensione anticipata per malattia: ecco cosa bisogna sapere