10 curiosità su Kasia Smutniak, il grande amore di Pietro Taricone

Kasia Smutniak è la splendida modella e attrice polacca che tutti conosciamo come ex del compianto Taricone: ti ricordi com’è diventata famosa nel nostro Paese?


Logo Zalando 190x52

Kasia Smutniak è una forza della natura: attrice, modella e… Pilota di alianti! Ecco tutto quello che (forse) non sapevi sulla splendida compagna di Taricone.

– Il suo vero nome è Katarzyna Anna Smutniak.

– A soli 16 anni consegue il brevetto di pilota di alianti. È figlia di un generale dell’aeronautica militare polacca, dal quale eredita la passione per il volo.

– A 17 anni si butta nel mondo dei concorsi di bellezza in Polonia e inizia a lavorare come modella. Lavoro che le permette di viaggiare in Giappone, Stati Uniti, Inghilterra e Italia.

– Nel 1998 si trasferisce nel nostro Paese, dove diviene famosa nel 2002 grazie a una pubblicità della TIM.

– Il suo esordio come attrice arriva nel 2000 con il film Al momento giusto.

KASIA SMUTNIAK

– Nel 2003, invece, recita in Radio West dove conoscerà il padre di sua figlia, Pietro Taricone.

– Nel 2012 è stata la madrina della 69ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia.

Kasia Smutniak e Taricone: un grande amore

– L’attrice è stata legata sentimentalmente all’ex gieffino Pietro Taricone fino alla sua morte, avvenuta in seguito ad un incidente di paracadutismo nel 2010. Kasia e Pietro hanno avuto una bimba, Sophie, nata nel 2004.

– Nel 2011 la Smutniak si lega al produttore Domenico Procacci, più grande di 19 anni. La coppia ha un figlio, Leone.

KASIA SMUTNIAK DOMENICO PROCACCI

– Su Pietro ha raccontato: “Non si è reso conto di niente, è morto col sorriso in faccia. Io ero accanto a lui. Se potessi scegliere un modo di morire, vorrei morire anche io così”.

“Era una persona speciale, unica, era molto sensibile. Io sono stata la più fortunata perché l’ho avuto per otto anni tutto per me.”

– Kasia Smutniak ha raccontato di ver realizzato il grande sogno di Pietro: “Un giorno Pietro tornò a casa e disse: “Andiamo nel Mustang”. Al ritorno, Pietro non smetteva di parlarne… Diceva: “Dobbiamo fare qualcosa per questa gente”. Ma siamo stati distratti dalle mille cose della vita. Io sono rimasta incinta. Poi lui è morto“.

Kasia Smutniak Furios Fendi

Con un gruppo di amici, Kasia ha fondato l’Associazione Pietro Taricone onlus e costruito una scuola proprio per salvare la cultura del Mustang. “Ci saranno nove aule, laboratori, biblioteca, sala studio.

E un dormitorio, con cucina e refettorio: è necessario, perché i collegamenti sono difficili e l’inverno, con la neve, è impossibile viaggiare. Ci sarà un cortile interno protetto dal vento, che da queste parti è violentissimo, con giardino e area giochi.

L’edificio sarà costruito nel tradizionale stile mustangi, per non deturpare e per insegnare l’amore di questa grande cultura, ma ci saranno vetrate per far entrare la luce e trattenere il calore, e pannelli solari. Ho scelto Ghami perché è al centro della zona, raggiungibile da ogni parte del Mustang“, raccontava Kasia.