Secondo il Mirror Kathryn Mayorga – che ha accusato Ronaldo di aver abusato di lei – avrebbe chiesto al calciatore un risarcimento di ben 65 milioni di euro.

Lo scandalo che vede protagonista Cristiano Ronaldo continua a destare scalpore: secondo il Mirror la ragazza (Kathryn Mayorga) che ha denunciato il campione per un presunto abuso avvenuto nel 2009 avrebbe chiesto – in sede civile – un risarcimento di 56 milioni di sterline, pari a circa 65 milioni di euro. Dal punto di vista penale le autorità di Las Vegas avevano archiviato il caso ma la modella ha continuato la sua battaglia in sede civile.

Cristiano Ronaldo: Kathryn Mayorga e il risarcimento

Nuovi guai hanno colpito Cristiano Ronaldo: dopo l’accusa di abuso (archiviata in sede penale) la modella Kathryn Mayorga ha deciso di proseguire la sua battaglia in sede civile.

Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo

Nel 2009 la donna avrebbe firmato un contratto dal valore di 300 mila euro per non portare il caso difronte ai giudici ma a seguire avrebbe cambiato idea, sostenendo di non essere stata in grado di intendere e di volere durante la firma del documento. Ronaldo non ha mai negato di aver avuto un rapporto intimo con la modella, ma ha sempre rigettato le accuse di abuso.

La difesa del calciatore via social

Il calciatore, padre di 4 bambini e oggi felicemente legato alla top model Georgina Rodriguez, in passato si è trovato a dover replicare pubblicamente contro l’accusata nei suoi confronti, che ovviamente ha rischiato di compromettere fortemente la sua carriera.

“Nego fermamente le accuse emesse contro di me (…) è un crimine abominevole che va contro tutto ciò che sono e tutto ciò in cui credo. Mi rifiuto di alimentare lo spettacolo mediatico creato da persone che cercano di promuovere solo se stesse a mie spese”, aveva scritto via social CR7. La vicenda avrà ulteriori sviluppi? Per il momento Ronaldo ha preferito non commentare.


Tommaso Zorzi contro Matteo Salvini: il botta e risposta al vetriolo

Selvaggia Lucarelli vs Diletta Leotta: “Sei tu che alimenti il giornalismo spazzatura”