Si va verso nuove regole per la quarantena e l’isolamento per Covid-19, in questo momento il Consiglio dei Ministri è riunito per decidere il da farsi.

Nelle prossime settimane, probabilmente cambieranno i criteri di quarantena e le regole anti Covid-19. Al momento, infatti, il Consiglio dei Ministri è riunito per decidere cosa fare su vari punti.

Tra le proposte da discutere ci sono l’estensione dell’obbligo di Super Green pass a tutti i lavoratori, chiesto con forza dai governatori delle Regioni. Nessun giorno di quarantena per i vaccinati con booster che vengono a contatto con una persona poi risultata positiva e sono impiegati nei servizi essenziali. Dovranno però obbligatoriamente indossare la mascherina Ffp2 per circa una settimana. 

Nel documento, anche la richiesta di far terminare l’isolamento di chi è positivo dopo 10 giorni (di cui almeno gli ultimi 3 senza sintomi) anche senza un test negativo. Dovranno però obbligatoriamente indossare la mascherina Ffp2 per circa una settimana. 

Un altro punto importante sul quale si discute sono eventuali deroghe o riduzioni dei giorni di quarantena per quegli operatori sanitari venuti a contatto, fuori dal proprio ambito lavorativo, con persone positive, provvedimento che punterebbe a evitare eventuali carenze di personale sanitario dovuto all’isolamento obbligatorio.

Staremo a vedere cosa accadrà, intanto alle 18.30 il Consiglio dei Ministri si è riunito per deliberare cosa sarà meglio fare nelle prossime settimane, per affrontare questo 2022 al meglio possibile contro il Covid-19.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 29-12-2021


Sesto San Giovanni: la figlia si suicida dopo la morte della madre

Brescia: tre ore di coda per fare il tampone, l’attesa è lunghissima